ASUS ROG Phone 2

ASUS ROG Phone 3, schermo da 144 Hz e 16 GB di RAM?

Il nuovo ASUS ROG Phone 3 dovrebbe avere uno schermo AMOLED da 144 Hz, processore Snapdragon 865 Plus, fino a 16 GB di RAM e tre fotocamere posteriori.

Da qualche giorno circolano indiscrezioni sul gaming phone del produttore taiwanese che dovrebbe essere annunciato entro luglio insieme allo ZenFone 7. Il nuovo ASUS ROG Phone 3 è apparso ora in un video condiviso su Twitter, mentre le principali specifiche sono state svelate da TENAA, l’ente che rilascia le certificazioni in Cina. Ovviamente si prevede un corposo aggiornamento hardware.

ASUS ROG Phone 3, possibili specifiche

Il ROG Phone 3 ha un design simile all’attuale ROG Phone 2. La differenza più visibile è la tripla fotocamera posteriore. Oltre a quelle principale da 64 megapixel e ultra grandangolare da 13 megapixel potrebbe esserci un teleobiettivo. Lo schermo AMOLED dovrebbe avere ancora una diagonale di 6,59 pollici e una risoluzione full HD+ (2340×1080 pixel), ma è possibile un incremento del refresh rate da 120 a 144 Hz. ASUS non ha ridotto lo spessore delle cornici perché integrano gli altoparlanti stereo.

Invece dello Snapdragon 855 Plus ci sarà una versione overcloccata dello Snapdragon 865, abbinato al modem Snapdragon X55 5G. La dotazione hardware dovrebbe inoltre comprendere 8/12/16 GB di RAM LPDDR5, 128/256/512 GB di storage UFS 3.0, lettore di impronte digitali in-display, porta USB Type-C e batteria da 6.000 mAh con supporto alla ricarica rapida da 30 Watt.

Quasi sicuramente ci saranno gli AirTrigger, i pulsanti ad ultrasuoni che possono essere utilizzati come “grilletti” durante il gioco. Assente invece il jack audio da 3,5 millimetri. Il sistema operativo sarà ovviamente Android 10 con interfaccia ROG UI, versione modificata della Zen UI. Dato che le dimensioni sono invariate, gli accessori disponibili per il ROG Phone 3 dovrebbero essere compatibili anche con il nuovo modello.

PCProfessionale © riproduzione riservata.
Seguo l'evoluzione tecnologia dalla fine degli anni '80 dopo aver acquistato il Commodore 64 e dal 2008 questa passione è diventata un lavoro. Da oltre 12 anni scrivo articoli su diversi argomenti tech e da maggio 2020 ho iniziato la collaborazione con PC Professionale.