Google Pixel 4a render

Google Pixel 4a, lancio posticipato ad ottobre?

Il Google Pixel 4a con schermo OLED da 5,81 pollici, processore Snapdragon 730 e 6 GB di RAM dovrebbe essere annunciato a luglio e arrivare sul mercato ad ottobre.

I Pixel 3a/3a XL sono stati annunciati al Google I/O 2019, quindi anche il Pixel 4a era atteso per il mese di maggio. L’edizione 2020 della conferenza è stata cancellata, quindi si prevedeva la presentazione dello smartphone con Android 11 Beta 1, ma ciò non è avvenuto. Un noto leaker ipotizza ora che il lancio sul mercato è stato posticipato ad ottobre, forse insieme al Pixel 5.

Da diverse settimane circolano indiscrezioni sul Google Pixel 4a. La più recente riguarda il design dello smartphone. Il sito Pigtou ha pubblicato alcuni render ricavati dai disegni CAD che mostrano una cover in policarbonato, un piccolo foro per la fotocamera frontale nell’angolo superiore sinistro dello schermo e una singola fotocamera posteriore all’interno di un modulo quadrato. Sul retro si può vedere anche il lettore di impronte digitali.

Il Google Pixel 4a dovrebbe avere uno schermo OLED da 5,81 pollici con risoluzione full HD+ (2340×1080 pixel), processore octa core Snapdragon 730, 6 GB di RAM e 64/128 GB di storage. Per le due fotocamere si prevedono sensori da 12,2 e 8 megapixel. Altre possibili specifiche sono le seguenti: connettività WiFi 802.11ac, Bluetooth 5.0, GPS, Galileo, NFC e LTE, jack audio da 3,5 millimetri, porta USB Type-C e batteria da 3.080 mAh.

Google Pixel 4a render

Il sistema operativo sarà ovviamente Android 10. L’annuncio del Google Pixel 4a sarebbe previsto per il 13 luglio, ma gli utenti potranno acquistarlo solo dal 22 ottobre. È possibile quindi il debutto sul mercato insieme al Pixel 5. Quasi certamente il ritardo è imputabile alla pandemia COVID-19 che ha causato problemi nell’approvvigionamento dei componenti (molte fabbriche sono rimaste chiuse per diverse settimane).

PCProfessionale © riproduzione riservata.
Seguo l'evoluzione tecnologia dalla fine degli anni '80 dopo aver acquistato il Commodore 64 e dal 2008 questa passione è diventata un lavoro. Da oltre 12 anni scrivo articoli su diversi argomenti tech e da maggio 2020 ho iniziato la collaborazione con PC Professionale.