Lo smartphone non conosce crisi

Cresce senza sosta la domanda di telefonia mobile in Europa. Nonostante la crisi spinga le persone a contrarre i consumi lo smartphone resta l’oggetto più venduto nel panorama dell’hi tech.
Stando agli ultimi dati diffusi da Gfk Retail and Technology, lo scorso anno i consumatori europei hanno acquistato 258 milioni di cellulari,il 3,2% in più rispetto al 2010 e le vendite degli smartphone sono cresciute del 67%.
Nel 2010 queste ultime rappresentavano solo il 22% delle vendite globali di telefonia mobile, mentre nel 2011 sono passata a pesare il 33% e a fine anno sono arrivate al 45%: ciò significa che ogni due telefonini venduti uno è uno smartphone.
In tutti i 25 paesi europei dove il panel di Gfk telefonia mobile è operativo sono state registrate crescite a due cifre, con percentuali variabili tra il 35% del Regno Unito e il 105% dei Paesi dell’Europa Orientale e dell’Asia, come Turchia, Russia e Ucraina.
Guidano la classifica per numero di unità  vendute 5 nazioni che insieme fanno il 33% del mercato smartphone: il Regno Unito con il 17% di vendite, seguito da Germania, Austria e Svizzera, che insieme sviluppano un altro 16% a volume. Lo scorso anno inoltre il prezzo medio di un telefono cellulare in Europ si attestava sui 200 euro, + 8% rispetto al 2010.
Secondo le stime di Gfk Retail quest’anno i telefoni di nuova generazione connessi a Internet rappresenteranno il 22% delle vendite di tutti gli apparecchi digitali, categoria che include anche televisori a schermo piatto, computer, fotocamere digitali, PC e tablet.

Nessun Articolo da visualizzare