MWC 2015: Doppietta Samsung con Galaxy S6 e S6 Edge

E’ passato esattamente un anno dalla presentazione del Galaxy S5. La sera del primo Marzo, durante l’evento Samsung Unpacked 2015 tenutosi a Barcellona, la casa coreana ha presentato non solo l’erede del suo smartphone top di gamma, ma anche il “fratello maggiore” dotato di schermo curvo come il Galaxy Note Edge. I Galaxy S6 e Galaxy S6 Edge arriveranno sul mercato il 10 aprile, con i tagli di memoria da 32, 64 e 128 Gbyte.

samsung_s6_coppia
Galaxy S6 Edge (a sinistra) e Galaxy S6.

Per risollevarsi dalla crisi dell’anno scorso, che ha mostrato cali di vendita significativi a vantaggio dei produttori cinesi più agguerriti, Samsung gioca la carta dell’esclusività . Il Galaxy S6 Edge vuole ambiziosamente il trono di miglior smartphone Android in assoluto e si posiziona nella fascia premium; al di sotto di esso, con prezzo inferiore, il Galaxy S6 liscio che resta comunque un top di gamma; nella fascia media, i modelli della serie Galaxy A7,A5 e A3. I prezzi non sono stati comunicati, ma per l’S6 Edge si vocifera di un costo superiore agli 800 euro. Il concorrente di riferimento è l’iPhone 6 e più volte nel corso della presentazione sono stati fatti dei confronti sulle funzioni e sulla qualità  tra i tre dispositivi.

Galaxy S6 Edge
Galaxy S6 Edge

Samsung S6 ed S6 Edge hanno una piattaforma hardware praticamente identica: la differenza sta nel display, tradizionale sull’S6 e curvo su entrambi i lati per l’S6 Edge. La dimensione e la tecnologia del pannello è identica: Super Amoled da 5,1 pollici con risoluzione di 2.560 x 1.440 pixel, per una densità  di ben 577 punti per pollice.

Scompare la plastica: gli S6 sono realizzati in vetro Gorilla Glass 4 nella parte frontale, in vetro temperato nella parte posteriore e in metallo nella cornice laterale. L’aspetto estetico è senza dubbio gradevole e sopratutto dona un feeling al tatto bel diverso da quello dell’S5. Quanto poi il vetro posteriore sia resistente agli urti è tutto da vedere.

Galaxy S6 Edge
Galaxy S6 Edge

Il nuovo design fa scomparire due caratteristiche storiche della serie Galaxy. La batteria non è più rimovibile e non c’è più uno slot per micro Sd. L’assenza della cover rimovibile posteriore e la ricerca del minimo spessore hanno sacrificato entrambe.

Il processore è realizzato in casa e dunque Samsung dice addio a Qualcomm, almeno sulla fascia alta. Il Samsung Exynos 7420 è un octa core a 64 bit (quattro core a 2,1 Ghz e quattro a basso consumo a 1,5 GHz ), abbinato a 3 Gbyte di veloce memoria Ddr4 a bassa tensione (Lp-Ddr4). Costruito a 14 nanometri, questo processore sembra in grado di dare del filo da torcere allo Snapdragon 810, l’ultimo modello di Qualcomm pensato per la fascia alta.

Galaxy S6 Edge
Galaxy S6 Edge

La fotocamera ha un sensore da 16 Mpixel e sopratutto ha un obiettivo con apertura F/1.9 per una resa migliore con poca luce e uno stabilizzatore ottico, per evitare il mosso durante i video e le foto con alti tempi di scatto. Il nuovo sistema di autofocus permette il tracking continuo del soggetto e adesso si possono scattare foto Hdr in tempo reale. La fotocamera anteriore ha un sensore da 5 Mpixel, sempre con apertura F/1.9.

 

Galaxy S6
Galaxy S6

La batteria non è più sostituibile ma in compenso guadagna la ricarica wireless. S6 ed S6 Edge possono essere ricaricati semplicemente poggiandoli su una base di ricarica, anche di terze parti purché seguano le specifiche Wpc /Pma. L’S6 Edge ha una batteria da 2.600 mAh, l’S6 da 2.550, qualcosina in meno rispetto ai 2.800 mAh del Galaxy S5.

L’autonomia dovrebbe comunque essere buona: Samsung dichiara 11 ore di navigazione su rete 4G. Anche i tempi di ricarica dovrebbero essere migliorati.

Galaxy S6
Galaxy S6

Lo spessore è stato ridotto: S6 Edge misura 7 mm, S6 ancora meno con 6,8 mm. Per confronto il Galaxy S5 è spesso 8 millimetri. Anche il peso è di una decina di grammi inferiore (132 e 135 g per S6 Edge e S6, contro i 145 g di S5).

Entrambi i telefoni hanno un apparato radio Lte di ultima generazione (Cat6), Bluetooth 4.1, Wi-Fi 802.11ac e modulo Nfc. Quest’ultimo viene usato per il sistema di pagamento proprietario Samsung Pay, che può sfruttare inoltre la possibilità  del telefono di riprodurre i segnali magnetici delle comuni carte di credito e quindi di essere utilizzato anche su Pos tradizionali. Samsung Pay è molto interessante, ha già  il sostegno di Mastercard, Visa e American Express nonché di alcuni importanti gruppi bancari statunitensi.

Galaxy S6
Galaxy S6

Infine i colori: entrambi saranno disponibili nei classici bianco, nero e oro; l’S6 Edge anche in blu topazio, mentre l’S6 sarà  disponibile anche in verde smeraldo.

 

 

 

 

 

Nessun Articolo da visualizzare