Navigatore o smartphone? Quattro consigli per decidere

I telefoni di ultima generazione stanno rubando progressivamente mercato ai dispositivi dedicati (Pnd, Personal Navigation Device) ma questi ultimi certe volte sono preferibili. La scelta tra le due soluzioni per l’assistenza alla guida non è mai banale. Ecco alcuni consigli per poter scegliere cosa acquistare.

01-smartphone

Perché lo smartphone

Sempre Online
I telefoni cellulari sono dispositivi naturalmente connessi e possono quindi accedere a informazioni online sempre aggiornate, a partire dalla cartografia e i punti di interesse.

Navigazione pedonale
Un buon software di navigazione satellitare può essere utile anche quando si percorrono a piedi le vie di una località  non ben conosciuta. Per la navigazione pedonale, l’ergonomia dello smartphone è imbattibile.

Touch più responsivo
Sebbene i Pnd abbiano fatto passi da gigante negli ultimi anni, la tecnologia touch degli schermi smartphone è generalmente superiore e consente un’interazione più precisa e rapida con il terminale.

Dispositivo unico
Per il guidatore occasionale il poter contare su di un navigatore sempre a disposizione senza doversi ricordare di caricare in auto un secondo apparato è un vantaggio impagabile.

 


01-GPS_XL

Perché il navigatore

Schermo leggibile
Gli smartphone offrono schermi sempre più ampi, ma i display dei Pnd sono generalmente più leggibili in auto, grazie ai trattamenti antiriflesso e alle diagonali, in media, più estese.

Autonomia e accessori
L’autonomia degli smartphone è messa a dura prova dai software di navigazione. Per un utilizzo intensivo è indispensabile l’ alimentatore d’auto, oltre al supporto per parabrezza, entrambi accessori forniti con i Pnd.

Semplicità  d’uso
Le applicazioni che proviamo in queste pagine sono semplici da utilizzare in sé. Non sempre però la coabitazione tra l’app Gps e gli altri software in esecuzione sul telefono è priva di inconvenienti. I Pnd sono plug&play.
Prezzo
Un buon Pnd con cartografia europea è ormai disponibile a meno di cento euro. Se si considera l’acquisto per la sola navigazione, gli smartphone non possono competere.

Simone Zanardi

Nessun Articolo da visualizzare