PC Professionale EXTRA

PC Professionale EXTRA
su Tablet e Smartphone

A casa tua
se lo hai perso in edicola

a solo 2,90 euro + 1.10 euro
come contributo per le spese di spedizione

Non avete trovato in edicola lo speciale su tablet e smartphone, un numero imperdibile con le prove dei prodotti, le tabelle di mercato e tutti i consigli per indirizzare chi deve acquistare uno di questi meravigliosi prodotti? Potete richiederlo a Tutto collezioni e vi verrà  inviatop a casa al prezzo dell’edicola più un contributo per le spese di spedizione. Non perdetelo

Ecco il sommario:

Tablet

– La guida all’acquisto
– Gli ultimi annunci
– Vetrina: quali modelli acquistare
– Le schede di tutti i sistemi
– Caratteristiche tecniche a confronto

Smartphone

– La guida all’acquisto
– Le novità  più recenti
–  Vetrina: i modelli sul mercato
– Le schede di tutti i sistemi
– Caratteristiche tecniche a confronto

Approfondimenti

– Marketplace: dove comprare il software
– Software: le applicazioni da non perdere
– Gps: tablet e smartphone al posto di guida
– Le tariffe per navigare in rete
– I migliori accessori

—————————————————————————–

Editoriale

di Simone Zanardi

Il 2011 ha segnato la definitiva consacrazione dei dispositivi mobili. Secondo le proiezioni IDC (basate sugli iniziali sei mesi e sui trend di mercato), si tratta del primo anno in cui le consegne di smartphone supereranno quelle di personal computer: 472 contro 361 milioni di pezzi. Anche i tablet di nuova generazione hanno registrato un successo entusiasmante, con oltre 63 milioni di pezzi consegnati e una crescita rispetto al 2010 dell’800%. Nvidia, azienda leader nella produzione di chipset per il mercato mobile, si è spinta ad affermare che entro il 2015 le vendite di tablet supereranno quelle dei notebook tradizionali. Siamo realmente entrati nell’era Post-Pc? Il problema nasce proprio da questo termine, molto più ambiguo di quanto possa sembrare: smartphone e tablet di ultima generazione sono, di fatto, dei personal computer, anche se rispetto al classico Pc interpretano in modo molto diverso l’aggettivo “personale”.

La rivoluzione della mobilità  si basa su un concetto molto semplice: il terminale deve essere sempre disponibile all’utente, in qualsiasi situazione e con tempi di accesso e utilizzo brevissimi. Deve insomma poter essere indossato, proprio come si fa con un vestito. Da questo concetto derivano una serie di nuovi stilemi che diventano fondamentali per i dispositivi. La comodità , innanzitutto, intesa non solo come ingombri e peso ridotti, ma anche come metodo di interazione con l’apparato. Smartphone e tablet di ultima generazione nascono e si sviluppano con le nuove interfacce tattili, che il computer tradizionale inizia solo ora ad assimilare con fatica, puntando comunque ancora con forza al classico binomio tastiera e mouse. Per comprendere la portata di queste caratteristiche è sufficiente un semplicissimo esempio pratico: smartphone e tablet possono essere utilizzati agevolmente mentre si è in piedi, un computer no. La comodità  di un dispositivo deriva anche dal suo adattarsi al contesto in cui è utilizzato. L’ambient awareness (consapevolezza dell’ambiente circostante) è un elemento chiave per i nuovi smartphone e tablet, che non a caso sono ricchi di sensori per il rilevamento della posizione, dell’orientamento nello spazio e della luce. In ogni situazione il terminale si configura automaticamente in modo da rendere più semplice la vita all’utente. Altra caratteristica chiave è la rapidità  di accesso: quando si è in viaggio o in movimento, non si possono aspettare diverse decine di secondi per disporre delle informazioni che si desiderano. In questo senso hardware e software dei nuovi dispositivi mobili offrono velocità  di accensione e ripristino notevolmente superiori rispetto a quelle di un personal computer. Allo stesso modo, grazie ai marketplace virtuali si possono cercare, reperire e installare in pochi minuti nuove applicazioni sul proprio smartphone o tablet, con una procedura infinitamente più snella rispetto a quelle disponibili su Pc.

Più banali, ma altrettanto importanti, sono le considerazioni sull’autonomia: se è vero che il dispositivo si indossa, allora deve essere operativo perlomeno per un’intera giornata. Proprio i compromessi tra potenza di calcolo e efficienza energetica sono come vedremo al centro della lotta tra produttori di processori e chipset per i nuovi smartphone e tablet.

Il successo dei nuovi dispositivi mobili ha portato a un affollamento di prodotti sul mercato senza precedenti. Orientarsi in questa giungla è impresa tutt’altro che semplice. Per questo abbiamo deciso di offrirvi una guida completa alla scelta, all’acquisto e all’utilizzo di smartphone e tablet, con la disamina dettagliata di 50 modelli e una selezione del software e degli accessori più interessanti. Un manuale ricco di suggerimenti e trucchi, utile non solo prima di entrare in negozio, ma anche da sfogliare quando avrete già  tra le mani il vostro nuovo smartphone o tablet.

Nessun Articolo da visualizzare