pebble-supporto-smartwatch-fine-2017

News

Pebble supporterà  i suoi smartwatch fino alla conclusione del 2017

Davide Micheli | 16 Dicembre 2016

Fitbit Smartwatch

Dopo esser stata acquisita di recente da Fitbit, Pebble ha comunicato che intende supportare i suoi vecchi smartwatch fino alla conclusione del prossimo anno.

Negli scorsi giorni, vi abbiamo parlato della recente acquisizione di Pebble ad opera di Fitbit, una notizia che aveva lasciato in sospeso la questione circa il supporto futuro ai device: ora, dopo un’iniziale incertezza al riguardo, la società  ha sottolineato come continuerà  a supportare gli smartwatch già  presenti sul mercato per tutto il corso del prossimo anno.

Anche i vari elementi dell’ecosistema Pebble – tra i quali l’SDK, il CloudPebble, Timeline API, app store, app mobile, firmware e sito developer – continueranno ad essere attivi, mentre non è stato reso noto che cosa succederà  con le app sviluppate da terzi, in modo particolare considerando come i developer potrebbero scegliere di non più dedicare tempo alle stesse.

Considerando come i servizi cloud saranno disattivati, gli utenti dovranno procedere all’aggiornamento delle app iOS ed Android per non aver più alcun tipo di dipendenza relativamente ad alcune feature, come per esempio l’autenticazione online: nel corso dei primi mesi del 2017, quindi, grazie alle nuove versioni dell’app, sarà  eliminata la dipendenza dai servizi cloud.

Pebble Health, dal canto suo, continuerà  a funzionare regolarmente. Non è stato ancora comunicato, invece, se i servizi di terzi (messaggistica, meteo o dettatura) siano supportati in futuro.

Fitbit Sense

Wearable

Google-Fitbit, via libera all’acquisizione

Luca Colantuoni | 18 Dicembre 2020

Fitbit Google Wearable

La Commissione Europa ha approvato l’acquisizione di Fitbit da parte di Google, ma l’azienda di Mountain View dovrà rispettare alcuni impegni per dieci anni.

Come previsto a fine settembre, la Commissione Europea ha approvato l’acquisizione di Fitbit da parte di Google. Il via libera è arrivato dopo un’indagine approfondita che ha coinvolto altri produttori di dispositivi indossabili. L’azienda di Mountain View dovrà tuttavia rispettare una serie di impegni per almeno dieci anni.

Prima di approvare l’acquisizione, la Commissione Europea ha raccolto una serie di informazioni dai diretti concorrenti e da varie autorità nel mondo, in particolare quelle che si occupano di privacy. Il via libera è arrivato principalmente perché Fitbit e Google hanno un market share molto ridotto (il settore è dominato da Apple, Garmin e Samsung). Le preoccupazioni dell’Europa riguardavano però tre aspetti: la raccolta dei dati degli utenti a scopo pubblicitario, l’accesso da parte di altri produttori ai dati registrati dai dispositivi Fitbit e l’interoperabilità con gli smartphone Android.

Per quanto riguarda l’uso dei dati a scopo pubblicitario, Google ha garantito che non li utilizzerà per veicolare inserzioni personalizzate, che verranno conservati separatamente da altri dati usti per l’advertising e che gli utenti potranno concedere o negare il permesso di accesso ad altri servizi Google.

Google ha promesso inoltre di mantenere l’accesso ai dati da parte delle app di terze parti (tramite le Web API di Fitbit), senza chiedere il pagamento di denaro e solo con il permesso degli utenti. Infine, Google garantisce il rispetto delle attuali condizioni, ovvero l’accesso non discriminatorio alle funzionalità disponibili su Android, tra cui il collegamento tra smartphone e indossabile tramite Bluetooth e il controllo della fotocamera dello smartphone.

Tutti questi impegni dovranno essere rispettati da Google per dieci anni. Secondo la Commissione Europa, l’acquisizione di Fitbit non pone rischi per la concorrenza.

Fitbit Sense

Wearable

Fitbit Sense e Versa 3, Google Assistant e altre novità

Luca Colantuoni | 20 Novembre 2020

Fitbit Google Smartwatch

Fitbit OS 5.1 per gli smartwatch Sense e Versa 3 include diverse novità, tra cui il supporto per Google Assistant e le risposte udibili di Amazon Alexa.

Come anticipato un mese fa, Fitbit ha annunciato l’arrivo di Google Assistant sugli smartwatch Sense e Versa 3. La versione 5.1 del sistema operativo introduce inoltre miglioramenti per le chiamate Bluetooth, le risposte di Alexa e la misurazione del livello di ossigeno nel sangue. L’aggiornamento verrà distribuito a partire dagli Stati Uniti.

Sense e Versa 3 supportano già Amazon Alexa. Con Fitbit OS 5.1 viene aggiunto anche il supporto per Google Assistant. L’utente può utilizzare i comandi vocali per avviare un allenamento, verificare le condizioni del tempo o impostare una sveglia solo con la pressione di un pulsante. La funzionalità è disponibile negli Stati Uniti. Entro fine anno arriverà in altri paesi di lingua inglese. Gli utenti italiani dovranno attendere l’inizio del 2021.

Fitbit Sense

Per quanto riguarda Alexa è invece possibile ricevere risposte udibili attraverso l’altoparlante degli smartwatch, oltre che sullo schermo. La stessa novità sarà disponibile per Google Assistant all’inizio del 2021. Gli utenti possono inoltre rispondere alle chiamate, usando microfono e altoparlante degli smartwatch. Su Android è possibile anche rispondere ai messaggi tramite comandi “voice-to-text”.

Fitbit Versa 3

Anche se Fitbit Sense e Versa 3 non sono dispositivi medici, gli utenti possono sfruttare la misurazione del livello di ossigeno nel sangue (SpO2) per rilevare eventuali problemi respiratori. I membri Premium possono effettuare il monitoraggio durante il sonno e in background, senza una specifica watch face (quadrante). Entro fine anno verranno comunque pubblicate sullo store nuove watch face, oltre a quella già disponibile.

Fitbit ha comunicato a fine settembre che le versioni 5.x del sistema operativo non verranno rilasciate per i precedenti smartwatch.

Fitbit Sense

App

Google Assistant arriva su Fitbit Sense e Versa 3

Luca Colantuoni | 16 Ottobre 2020

Fitbit Google Wearable

Google Assistant sarà presto disponibile nei recenti smartwatch Sense e Versa 3 di Fitibit e nelle nuove smart TV di Samsung, come alternativa a Bixby.

L’azienda di Mountain View ha recentemente annunciato il supporto per le app di terze parti, ma l’assistente personale viene spesso utilizzato per controllare i dispositivi. Google Assistant verrà presto integrato nei Fitbit Sense e Versa 3, i nuovi smartwatch presentati a fine agosto. Il supporto per il “maggiordomo digitale” è stato incluso anche in alcuni smart TV di Samsung.

Google Assistant viene soprattutto utilizzato con smartphone e smart speaker. I comandi vocali sono sfruttati per avviare la riproduzione dei brani musicali, per chiedere informazioni o per gestire la smart home. Tra i dispositivi di terze parti c’è il Lenovo Smart Clock Essential, uno smart display da 4 pollici che mostra ora, data e condizioni del tempo.

Entro l’inverno sarà possibile utilizzare l’assistente di Google anche sui Fitbit Sense e Versa 3. Invece di toccare lo schermo AMOLED, gli utenti potranno avviare un esercizio, controllare il cronometro o aggiungere prodotti alla lista della spesa, usando unicamente la voce. Fitbit è stata acquisita da Google e recentemente ha ricevuto l’approvazione da parte della Commissione Europea.

Samsung ha integrato il suo assistente Bixby in molti prodotti, ma si ipotizza un lento abbandono della tecnologia (sono state già eliminate alcune funzionalità AR di Bixby Vision). Non stupisce quindi il supporto per Google Assistant nelle smart TV annunciate quest’anno (modelli QLED 8K e 4K, Crystal UHD, Frame, Serif, Sero e Terrace).

Dopo aver selezionato Google Assistant nelle impostazioni (Bixby è l’assistente predefinito) sarà sufficiente tenere premuto il pulsante del microfono sul telecomando e pronunciare i comandi vocali per cambiare canale, aumentare/diminuire il volume, avviare le app o eseguire altre operazioni. Inizialmente è disponibile solo negli Stati Uniti, ma arriverà anche in altri paesi.

Aggiungi alla collezione

No Collections

Here you'll find all collections you've created before.