Rifiuti elettronici: l’Italia guida il progetto europeo IDENTIS WEE

Mira al raddoppio della raccolta di e-waste, la spazzatura elettronica, il progetto europeo guidato dal gruppo Hera e dai tre sistemi collettivi leader nella gestione dei RAEE: Ecolight per l’italia, Ecolum per la Spagna e Environ per la Romania. IDENTIS WEE acronimo di (Identification DEterminatioN Traceability Integrated System for WEEE) prevede l’introduzione di cassonetti intelligenti per la raccolta ed è co-finanziato dall’Unione Europea nell’ambito del programma Life+ politica e governance ambientali con il patrocinio, tra gli altri, di ANCI, Federambiente e Regione Emilia Romagna. L’investimento previsto è di 3,5 milioni di euro in tre anni; due sono gli obiettivi da raggiungere: aumentare la raccolta di piccoli elettrodomestici dismessi e lampadine a risparmio energetico con l’uso di cassonetti e altri contenitori intelligenti e tracciare i rifiuti dal loro conferimento fino al recupero o trattamento finale, mettendo in pratica le indicazioni di Strasburgo e creando un sistema innovativo che permette di testare le abitudini dei cittadini e di prevenire l’esportazione illegale dei RAEE.
Entro la fine del 2012 saranno introdotti contenitori-prototipi in alcuni comuni dell’Emilia Romagna (Bologna, Castenaso, Ravenna e Lugo) e nella zona di Saragozza (Spagna) e Bucarest (Romania). Si tratta di una quarantina di contenitori stradali per la raccolta di piccoli elettrodomestici, cellulari e di lampade a basso consumo. Altri, per la raccolta di grandi elettrodomestici, televisori e computer saranno collocati anche nelle stazioni ecologiche e internamente o all’esterno di negozi e centri commerciali. È prevista la realizzazione di una stazione mobile, condotta da un operatore, per la raccolta domiciliare di ogni tipo di RAEE. Un nuovo sistema informativo, grazie a dispositivi collocati su tutti i contenitori, permetterà  di risalire all’utente, determinare l’esatto quantitativo di RAEE conferito, tracciare il ciclo di vita del rifiuto fornendo informazioni sul prodotto, sui materiali recuperabili e garantendo la trasparenza dell’intero processo di gestione.
Il secondo passaggio è previsto nel biennio 2013 – 2014, quando avverranno il monitoraggio del sistema e la catalogazione di dati su raccolta e recupero. Infine nel 2015, anno di chiusura del progetto, si avrà  il quadro completo degli esiti della sperimentazione.
Attualmente la direttiva europea sui RAEE prevede come obiettivo la raccolta di 4 Kg per abitante, un traguardo già  raggiunto dall’Italia nel 2010. Con questa nuova iniziativa in alcune regioni come l’Emilia Romagna si toccherebbero gli 11 Kg all’anno per abitante.

Nessun Articolo da visualizzare