Risparmiare facendo la spesa? Si può fare con l’app T-Frutta

T-Frutta è la prima app in Italia ad introdurre il meccanismo del cash-back, permettendo ai consumatori di risparmiare denaro quando acquistano prodotti, presso la grande distribuzione, delle marche in promozione. Come fare: basta fotografare lo scontrino e inviarlo a T-Frutta. L’accredito del denaro avviene in modo facile e veloce su conto corrente bancario, PayPal o tramite assegno. L’app è scaricabile gratuitamente dall’App Store o da Google Play.

T-Frutta utilizza un sistema, proprietario e brevettato, basato su una tecnologia unica di riconoscimento dei dati contenuti negli scontrini di cassa cosiddetti “parlanti” (quelli che riportano le indicazioni dei prodotti acquistati). Il servizio, lanciato esattamente un anno fa da UBIQ (start-up nata da uno spin-off dell’Università  di Parma e acquisita da SIA a inizio 2016), è già  disponibile a BolognaMilano, Modena, Roma, Torino e nell’area Monza-Brianza. Da oggi è disponibile anche a Parma, Reggio Emilia e Ferrara e nel breve periodo  sarà  progressivamente estesa a tutto il territorio nazionale.

A dodici mesi dal lancio, sono oltre 47.000 gli utenti attivipiù di 385.000 gli scontrini gestiti, per un cash-back erogato ai consumatori di oltre 486.000 euro.

Le aziende del largo consumo che hanno già  utilizzato T-Frutta sono circa 25. Tra queste UnileverBarillaFerreroSan PellegrinoBolton FoodLavazzaGrandi Salumifici ItalianiHeinekenNivea BeiersdorfConserve ItaliaParmaReggio, Monini, Ponti, Branca, Campari, Fater, Rana, Alpro, Procter & Gamble, Auricchio, Yakult, A&D e Industrie Cartarie Tronchetti.

Il funzionamento è semplice: dopo aver scaricato T-Frutta dall’App Store o da Google Play  si possono vedere le promozioni sui prodotti che fanno risparmiare. Gli acquisti possono essere effettuati in tutti i negozi che utilizzano scontrini riportanti i dettagli dei prodotti comperati. Si fotografa lo scontrino e lo si invia attraverso l’App a T-Frutta che, dopo aver letto le informazioni contenute nella ricevuta, accredita il denaro, che il consumatore può ricevere con la modalità  prescelta e spendere come e dove vuole.

Nessun Articolo da visualizzare