Telegram

La Russia ha bloccato Telegram

Telegram si è rifiutata di fornire alle autorità le chiavi di decrittazione necessarie per accedere ai dati degli utenti. L’obbligo di farlo è stato stabilito da un tribunale.

0
3759

Telegram è stato bloccato in Russia, o quantomeno lo sarà molto presto. Questa decisione del governo segue quella di un tribunale locale, che era intervenuto in una disputa tra il servizio di messaggistica e la Roskomnadzor, l’organo della Federazione Russa che si occupa di vigilare sulle telecomunicazioni.

Con la sua sentenza, pronunciata in assenza dei rappresentanti di Telegram, che non si sono presentati in segno di protesta, il tribunale ha stabilito per la chat l’obbligo di fornire ai Servizi di Sicurezza Federali russi (FSB) le chiavi di decrittazione necessarie per accedere ai dati degli utenti. Telegram si è tuttavia rifiutata di collaborare, e il governo russo ha quindi deciso di agire in questo modo.

Telegram
Telegram fa della sicurezza il proprio punto di forza, tanto da aver rifiutato di consegnare le chiavi di decrittazione alle autorità russe, anche dopo la sentenza di un tribunale.

L’agenzia di stampa russa Tass ha riportato che il blocco nei confronti del servizio di messaggistica avverrà rapidamente, in seguito alla sentenza del tribunale, e resterà in vigore fino a quando non verranno fornite agli FSB le chiavi di sicurezza necessarie. Non è noto tuttavia quanto rapido sarà effettivamenteil blocco da parte del governo: secondo il Financial Times, questo dovrebbe diventare effettivo nel corso del mese prossimo, quando saranno terminati i processi di appello.

L’imposizione nei confronti di Telegram è dovuta alle leggi anti-terrorismo approvate in Russia nel 2016, che impone ai servizi di messaggistica di fornire alle autorità le chiavi per la decrittazione dei messaggi. Il fondatore e CEO di Telegram, Pavel Durov, ha risposto duramente al blocco, attraverso un messaggio sulla piattaforma, nel quale ha affermato che la sua compagnia può permettersi di non tenere conto del fatturato e della vendita di spazi pubblicitari, e che il potere che i governi hanno sulle aziende del mondo IT si basa proprio sul denaro. Durov ha anche affermato che la privacy non è in vendita, e che i diritti umani non dovrebbero essere sacrificati per paura o per avidità.

PCProfessionale © riproduzione riservata.