Gli hacker governativi russi hanno spiato i democratici negli Stati Uniti

Secondo una notizia diffusa da The Washington Post hacker al servizio del governo russo avrebbero spiato componenti del comitato nazionale del Partito Democratico negli Stati Uniti. Soltanto nel weekend sarebbe stato individuato e risolto il problema.

I documenti a cui avrebbero avuto accesso sono e-mail, chat e un dossier sul candidato repubblicano Donald Trump.

Un mese fa hacker americani avevano rivelato che anche i repubblicani sarebbero stati spiati.

Stanno indagando sul problema FBI e la società  di sicurezza Crowdstrike.

In passato sono state denunciate anche intrusioni degli hacker governativi cinesi relative a Obama, McCain e Romney. Nel 2008 una lettera inviata dal senatore John McCain al presidente di Taiwan venne intercettata dai cinesi.

Nessun Articolo da visualizzare