Google semplifica la privacy: un solo profilo utente per tutti i servizi

Entrano in vigore il 1 marzo i cambiamenti introdotti oggi da Google nella gestione della privacy degli utenti, che passa da essere regolata da ben 70 documenti diversi (a seconda dei prodotti) a un unico set di regole, chiamato Privacy Policy. La principale novità  per chi è in possesso di un account Google è che saranno unificate le regole di gestione dei propri dati su tutti i servizi on line offerti dal gruppo di Mountain View, in modo da combinare le informazioni personali lasciate su un sito con quelle messe on line su un altro.

In questo modo si ottengono risultati più personalizzati anche nelle ricerche: se sono appassionato di informatica e digito nel motore di ricerca la parola Jaguar o Apple, otterrò un risultato pertinente ai miei interessi, grazie al fatto che i dati contenuti nel mio profilo vengono condivisi su tutta la piattaforma Google.

Non cambiano ovviamente i capisaldi della privacy; come la data liberation (cioé la possibilità  di cancellare i propri dati da un particolare servizio) e la riservatezza dei dati personali degli utenti, che Google conserva gelosamente, senza cederli a terze parti. Per ulteriori informazioni rimandiamo alla pagina web in lingua italiana.

Nessun Articolo da visualizzare