Successivo >

Security

I malware raggiungono lo spazio

Davide Piumetti | 28 Agosto 2008

Sicurezza

Non siamo i soli ad avere problemi con i virus informatici, la Nasa ha infatti ammesso che uno dei computer […]

Non siamo i soli ad avere problemi con i virus informatici, la Nasa ha infatti ammesso che uno dei computer utilizzato nel tempo libero dagli astronauti in forza alla stazione spaziale internazionale, la Iss, è stato accidentalmente infettato da un virus proveniente da terra.

Durante la dichiarazione sono inoltre emersi altri dettagli significanti, questo non sarebbe infatti il primo virus portato in orbita dagli astronauti ma, per fortuna, nessuno di essi ha mai infettato i sistemi di bordo e causato danni.

 

iss-2008.jpg

Le modalità  di contagio non sono ancora chiare, ma dalle prime indiscrezioni sembra che il tutto sia dovuto a un pendrive Usb contenente della musica portato nello spazio da uno degli astronauti. Il contagio sarebbe limitato a un solo portatile, non connesso in alcun modo ai sistemi della stazione spaziale.

Per la cronaca il virus è stato identificato in W32.Gammima.AG, un worm progettato per rubare gli account dei videogiocatori online, ed è stato prontamente rimosso.

D’altronde non crediamo che avrebbe potuto fare molti danni, una partita multiplayer dallo spazio soffrirebbe probabilmente di un Lag non proprio trascurabile…