Settima generazione per l’iMac e nuovi Mac mini

[nggallery id=1211]

Tra i numerosi annunci Apple di ieri spicca sicuramente il nuovo iMac, il desktop in assoluto più venduto negli Stati Uniti, ha fatto sapere Tim Cook, Ceo della società , che ora viene proposto in una versione ultrasottile con un design completamente rivisitato. I nuovi processori quad core Intel di terza generazione e la grafica Nvidia unita al disco ibrido Fusion Drive, fanno dei nuovi iMac i desktop più avanzati mai realizzati da Apple. Il nuovo iMac racchiude una tecnologia ad alte prestazioni in un case di alluminio e vetro che occupa fino al 40 % di volume in meno rispetto al suo predecessore, e un bordo che misura solo 5 mm di spessore.

Realizzato con un livello di rifiniture senza precedenti, il nuovo iMac ha un display interamente riprogettato che riduce il riflesso del 75% pur mantenendo colori brillanti e contrasto. Il vetro di copertura inoltre è interamente laminato all’Lcd, mentre un rivestimento antiriflesso viene applicato utilizzando un processo di ‘plasma deposition’ ad alta precisione.

Ogni  display iMac viene calibrato individualmente tramite un evoluto spettroradiometro. I processori quad core Intel i5 di terza generazione si possono potenziare a Core i7.

Ogni iMac ha di serie 8 GByte di Ram a 1600 MHz e un hard disk da 1 TByte, la memoria si può espandere a 32 GByte e l’hard disk fino a 3 TByte o in alternativa si può avere 768 GByte di memoria flash.

La vera novità  è la tecnologia di archiviazione Fusion Drive che offre le prestazioni delle memorie flash unite alle capacità  di un disco fisso,  combinando 128 Gbyte di memoria flash con un disco rigido standard da 1 TByte o 3 TByte così da creare un singolo volume di archiviazione capace di gestire in maniera intelligente i file, ottimizzando le prestazioni in lettura e scrittura. Fusion Drive inoltre sposta in automatico i file e le app utilizzati più spesso nella memoria flash permettendo quindi un accesso più veloce e prestazioni migliori.

Novità  anche per il Mac mini che viene rinnovato con processori dual-core Intel Core i5 e quad-core Intel Core i7 di terza generazione, fino a due volte più veloci, e grafica integrata fino al 65 % più scattante. Mac mini include di serie 4 GByte di memoria a 1600 MHz espandibili fino a 16 GByte. Pur mantenendo inalterato il suo design in alluminio, Mac mini include ora quattro porte Usb 3.0 oltre alle porte Thunderbolt, Hdmi, Sdxc, Gigabit Ethernet e FireWire 800.

Sia iMac che Mac mini rispettano requisiti Energy Star 5.2 e hanno ottenuto la certificazione EPEAT Gold. In particolare iMac consuma fino al 50% in meno rispetto alla generazione precedente quando inattivo, e il display a retroilluminazione Led è privo di mercurio e realizzato in vetro privo di arsenico.  Mac mini  a sua volta  consuma solo 11W quando inattivo.

Mac e Mac mini includono di serie il sistema operativo OS X Mountain Lion e grazie ad iCloud, integrato in Mountain Lion è  ancora più facile tenere tutti i contenuti sincronizzati sul Mac, iPhone, iPad e iPod touch.

iMac è disponibile da novembre nella versione da 21,5 pollici con processori quad-core Intel Core i5 a 2,7 Ghz con velocità  Turbo Boost fino a 3,2GHz e Nvidia GeForce GT 640M a un prezzo di 1.379 euro e nella versione con processore quad-core Intel Core i5 a 2,9GHz con velocità  Turbo Boost fino a 3,6GHz e Nvidia GeForce GT 650M a un prezzo di 1.579 euro, Iva inclusa.

Nella versione a 27 pollici con processore quad-core Intel Core i5 a 2,9 GHz con velocità  Turbo Boost fino a 3,6 GHz e Nvidia GeForce GTX 660M iMac costa 1.899, mentre con processore quad core Intel Core i5 a 3,2GHz con velocità  Turbo Boost fino a 3,6 GHz e Nvidia GeForce GTX 675M viene venduto a 2.079 euro Iva inclusa. La versione a 27 pollici di iMac sarà  però disponibile solo a  partire dal mese di dicembre.

Mac mini è disponibile fin da subito nella versione con processore dual-core Intel Core i5 a 2,5GHz con velocità  Turbo Boost fino a 3,1GHz, 4 GByte di memoria e disco rigido da 500 GByte al prezzo di 649 euro; con processore quad-core Intel Core i7 a 2,3GHz con velocità  Turbo Boost fino a 3,3GHz, 4 GByte di memoria e disco rigido da 1 TByte  al prezzo di 849 euro e con processore quad-core Intel Core i7 a 2,3GHz con velocità  Turbo Boost fino a 3,3GHz, OS X Server, 4 GByte di memoria e due dischi rigidi da 1 TByte a 1.049 euro (prezzi Iva inclusa).

Nessun Articolo da visualizzare