News

Si avvicina la fine di .Mac?

Redazione | 30 Maggio 2008

Un indizio nell’ultimo aggiornamento del sistema operativo di Apple conferma la probabile revisione dei servizi on line offerti dalla società  di Jobs.

Che il servizio on line di Apple «.Mac» avesse bisogno di una rifondazione, lo aveva ammesso lo stesso Steve Jobs in occasione di alcune interviste: il prezzo per le funzionalità  offerte (casella di posta, spazio web, funzioni di backup online) di 99 euro in effetti sembra un po’ elevato in tempi di soluzioni gratuite come GMail e Google Documents.

La conferma che qualcosa stia cambiando e, forse, in modo radicale viene dall’aggiornamento del sistema operativo. I più integralisti adepti della Mela stanno vivisezionato ogni dettaglio del nuovo OS in cerca di indicazioni sugli sviluppi dei prodotti e dei servizi di Apple.

All’interno di iCal il sito DeepApple (in Russo, vi avvertiamo) ha trovato l’illuminante stringa di testo:


/* Label of the .Mac button in iCal's General preferences. %@ is the new name of Apple's online service (was .Mac) (remove -XX02) */

Per i non addetti allo sviluppo significa qualcosa come: “Inserire qui il nome del servizio precedentemente conosciuto come .Mac”. E c’è da supporre che non cambi solo il nome…

Aggiungi alla collezione

No Collections

Here you'll find all collections you've created before.