Calcio on line: sotto sequestro i domini italiani di dieci siti pirata

Dieci siti pirata che trasmettevano le immagini delle partite di calcio di serie A e di Champions League sono stati posti sotto sequestro dal tribunale di Milano dopo la denuncia sporta da Mediaset per violazione del diritto d’autore.

Il provvedimento è stato emesso ieri dal Gip di Milano, Andrea Ghinetti, e rappresenta una novità  dal punto della giurisprudenza in quanto equipara la trasmissione in diretta di un evento sportivo a un’opera dell’intelletto.

I siti messi sotto sequestro avevano la loro base in diversi Paesi (dove i diritti Mediaset per la diretta delle partite di calcio di Serie A non sono validi), da dove trasmettevano liberamente le immagini delle partite in tempo reale, senza grandi differenze rispetto alla diretta televisiva vera e propria.

Il tribunale di Milano ha ordinato il sequestro solo dei domini italiani di tali siti applicando il seguente ragionamento: “malgrado le partite di calcio non siano da considerarsi opera intellettuale, scrive il gip del decreto, le videoriprese di tali eventi (..) allorquando si caratterizzano per uno specifico apporto di tipo tecnico e creativo, possono rientrare tra le opere tutelate”.

Il provvedimento è stato notificato ai principali provider italiani attraverso le cui reti si poteva accedere ai siti pirata ora bloccati: webcaston.com, freedocast.com, veemi.com limev.com, mips.tv, hqeast.tv, dinozap.tv, hdeaster.net, ilive.to e LiveScoreHunter.tv.

Nessun Articolo da visualizzare