Con Paint.net 4 il fotoritocco è gratuito

Il programma vanta un’interfaccia elegante e pulita nonché una buona dotazione di tool la cui efficacia però è alquanto variabile.

Il panorama degli applicativi gratuiti è in continua crescita, sia come numero di programmi sia come qualità . In effetti non è difficile trovare a costo zero software che hanno funzioni equivalenti a prodotti commerciali di qualche anno fa. Paint.net è un bell’esempio di questa crescita: un programma per l’elaborazione delle immagini, dotato di tutti gli strumenti di base utili per il fotoritocco e disponibile anche in italiano. Il software è stato inizialmente sviluppato da alcuni studenti universitari americani, come alternativa gratuita a Paint di Windows, sotto l’egida di Microsoft stessa. Di recente ne è stata rilasciata la versione 4, che si è fatta attendere a lungo: ben sei anni.

Paint.net si presenta con un’interfaccia molto pulita ed elegante, in cui i pannelli e le icone sono in numero contenuto e disposti in maniera molto ordinata. Come prima cosa si notano le quattro finestre principali (Strumenti, Cronologia, Colori, Livelli) disposte agli angoli dello schermo (sono comunque riposizionabili e attirate magneticamente), mentre lungo il lato superiore sono allineate le opzioni dello strumento selezionato. Un’altra caratteristica particolare è la visualizzazione dei documenti aperti, che appaiono sotto forma di miniature disposte nella parte alta dello schermo.

L'interfaccia di Paint.net è molto ordinata, con un numero limitato di pannelli e di icone. Le finestre flottanti sono attratte magneticamente e sono riposizionabili a piacere.
L’interfaccia di Paint.net è molto ordinata, con un numero limitato di pannelli e di icone. Le finestre flottanti sono attratte magneticamente e sono riposizionabili a piacere.

Il programma non ha limiti nel memorizzare la cronologia delle operazioni compiute, basta che ci sia spazio su disco, inoltre sfrutta la Gpu per il rendering delle immagini modificate con i filtri. Una caratteristica che avvicina Paint.net ai software commerciali è la possibilità  di creare documenti su livelli, con una varietà  di algoritmi utilizzabili per la modalità  di sovrapposizione. Peccato per definire quest’ultima nonché il valore di trasparenza si debba accedere a uno scomodo menu separato, accessibile con un clic.

Come abbiamo detto all’inizio, Paint.net è un programma per il ritocco delle foto digitali e quindi non delude troppo la mancanza di spazi colore alternativi ai classici Rgb e Hsv. Un po’ più grave è invece l’assenza di una funzione per raddrizzare le foto storte: per ruotare l’immagine bisogna copiarla in un nuovo livello e poi agire sulle maniglie agli angoli, oppure usare la funzione Ruota/Zoom, che consente la rotazione 3D in maniera rapida e intuitiva. Un’altra nota dolente è lo strumento Rimozione occhi rossi, che richiede la selezione manuale delle pupille e che molto raramente risulta efficace.

Nel menu Regolazioni sono raccolte le elaborazioni cromatiche di base, che funzionano decisamente bene. Tra queste segnaliamo il bilanciamento automatico, le curve e i livelli, che il software può aggiustare anche da solo con buoni risultati. Ma anche in questi casi troviamo un piccolo difetto: nelle finestre di impostazione di questi strumenti manca l’opzione per disabilitare l’anteprima e fare quindi un confronto immediato con il documento originale. I filtri sono una trentina e non deludono per la qualità  di elaborazione, l’offerta è completa anche se siamo sempre nei limiti di una dotazione standard.

Gli effetti che abbiamo trovato più interessanti sono Pittura a olio, che trasforma una foto in un quadro con pennellate decisamente realistiche, e Ammorbidisci ritratto, che elabora la foto del viso di una persona aumentando il contrasto, riducendo le imperfezioni della pelle e conferendo una dominante calda. Il risultato complessivo è notevole e molto accattivante, ottenibile quasi senza toccare i tre parametri di regolazione. Paint.net ha un’ottima dotazione di filtri per quanto riguarda la sfocatura, che può essere gaussiana, di movimento, radiale, zoom e di superficie. Quest’ultima è particolarmente interessante, poiché svolge un ottimo lavoro nel rendere più lisce le superfici di colore uniforme, come l’incarnato di un soggetto fotografato.

Il programma è dotato anche del filtro Riduzione rumore, che però non fa distinzione tra grana e dettagli minuti e quindi fa più danni che altro.

Nel complesso Paint.net è un buon programma, dotato di un’interfaccia semplice e intuitiva e completo per quanto riguarda gli strumenti. Non tutti funzionano alla perfezione ma il bilancio globale è comunque positivo.
Nicola Martello

Paint.net 4.0.3

Gratuito

PRO

Interfaccia semplice e intuitiva
Dotazione di strumenti completa
Sfrutta la Gpu per l’accelerazione dei rendering

CONTRO

Spazio colore limitato a Rgb e Hsv
La correzione degli occhi rossi è poco efficace
Manca una funzione per raddrizzare le foto storte

Produttore: dotPDN LLC, www.getpaint.net

Nessun Articolo da visualizzare