Da Google un nuovo formato immagini per il web

logo chromeSi chiama WebP e promette una significativa riduzione delle dimensioni delle foto e un incremento nella velocità  di caricamento delle pagine web. Oggi immagini e foto, secondo Google, pesano per ben il 65% dei byte trasmessi all’apertura di una pagina web e nelle connessioni Internet mobili o in presenza di reti non particolarmente veloci, rappresentano una delle strozzature più comuni al caricamento di un sito. Per giunta i formati maggiormente in uso, Jpg, Png o Gif sono stati introdotti più di dieci anni fa quando ancora non c’era stata l’esplosione di collegamenti Internet su ogni tipo di device, che c’è invece ai nostri giorni.
Per queste ragioni Google ha cercato di sviluppare un nuovo formato in grado di comprimere ancora più il peso dell’immagine, rispetto al JPG, mantenendone però qualità  e risoluzione.
WebP utilizza un tool di compressione basato sul codec video V8 rilasciato con licenza open source lo scorso mese di maggio e un contenitore basato sul meta formato Riff (Resource Intrchange File Format) e Google ha provato ad applicarlo a qualcosa come 1 milione di immagini scelte a caso dal web (la maggior parte file Jpg e qualche Png e Gif) e ricodificandole formato WebP. Il risultato è stata una riduzione del 38% nelle dimensioni del file, ma naturalmente dice Google, partendo da immagini non ancora compresse, si potranno ottenere risultare ancora migliori. Per ora Google ha rilasciato un tool di conversione al formato WebP in attesa di inserire il supporto nativo a WebP nella prossima versione di Chrome e naturalmente sta lavorando con la community di sviluppatori per estendere tale supporto anche ad altri browser. L’accoglienza del mercato dipenderà  anche dal fatto che tutti i produttori di strumenti software siano disposti ad adottarlo.

Nessun Articolo da visualizzare