Software

Google lancia il suo browser

Redazione | 2 Settembre 2008

Social

Da oggi sarà  on line la beta di Chrome, molto più di un programma di navigazione: la piattaforma per il cloud computing.

Con un’operazione di comunicazione unica nella storia di Internet, Google ha annunciato sul suo blog il lancio di Chrome, il browser che dovrebbe rendere più sicura e agevole la navigazione su Internet e soprattutto l’esecuzione delle Web application che oggi rappresentano la maggior parte delle attività  svolte su Internet da ognuno di noi.
chrome2.pngQuaranta pagine di vignette per spiegare con semplicità  esemplare anche i dettagli più tecnici di Chrome che sul blog viene presentato come il browser pensato per le applicazioni del web 2.0: dalla fruizione di video e musica su Internet, ai task più complessi come il collaborative computing di cui le Google Applications sono state antesignane.
Chrome si basa sul framework open source WebKit di Apple, un motore di rendering Html molto versatile, utilizzato in moltissimi contesti applicativi e su una versione personalizzata della JavaScript virtual machine chiamata V8. Concettualmente la novità  più importante introdotta nel browser è l’abilità  di gestire ogni tab come un singolo processo indipendente, in modo da impedire che eventuali bug possano bloccare completamente il browser, limitando quindi i malfunzionamenti a un singolo tab. Ciò consente anche una migliore distribuzione della memoria tra i vari tab e plug-ins utilizzati dal browser e in generale un maggior controllo sulla quantità  di memoria utilizzata da ciascun processo.

Dal punto di vista della stabilità  e sicurezza Chrome si avvale di un sistema di sandboxing per la protezione dai malware che restringe l’accesso alle funzioni base del sistema e di un blacklist dei siti di phishing che avvisa l’utente quando sta per aprire un sito sospetto.
Google per ora rilascia in 100 paesi solo la beta per Windows, mentre la versione per Mac e Linux sarà  pronta più avanti. Sul blog oltre alla disamina delle caratteristiche tecniche si parla anche della fase di test del browser: grazie alla potente infrastruttura di indicizzazione delle pagine web di Google è stato possibile testare il browser su milioni di pagine web, fornendo così agli sviluppatori quei risultati che altrimenti sarebbero disponibili solo una volta rilasciata la beta del browser. L’appuntamento è quindi a stasera quando si potrà  scaricare la beta di Chrome.

Aggiungi alla collezione

No Collections

Here you'll find all collections you've created before.