skype-chiude-uffici-londra-400-licenziamenti

Microsoft: chiude la sede di Skype a Londra, cancellando 400 posti di lavoro

Ancora una volta, Microsoft fa parlare di sé in ragione della sua strategia di ristrutturazione: e dopo aver cancellato parecchi posti di lavoro nella sua divisione mobile, questa volta, la società  di Redmond va a toccare Skype. A riportare in anteprima la strategia del gruppo americano è il Financial Times, secondo cui la sede londinese di Skype è ormai prossima alla sua chiusura.

Le previsioni dell’FT al riguardo, indicano come l’azienda di Satya Nadella abbia deciso di licenziare quasi tutti i 400 dipendenti attivi in questa sede europea del client di messaggistica istantanea, giacché avrebbe optato per “unificare” parecchi posti di lavoro nell’ambito ingegneristico, provocando in questo senso la riduzione dei suoi dipendenti.

Nonostante Skype non vada a toccare tutte le sedi presenti nel mondo con questo cambio di strategia, appare chiaro come l’azienda di Satya Nadella abbia deciso di concentrare nella sua sede di Redmond il lavoro, probabilmente perché intende ridurre l’autonomia della controllata, sottoponendo così il lavoro di sviluppo del servizio direttamente all’interno dell’azienda.

Fino ad oggi, infatti, la strategia aziendale di Skype è stata decisa per gran parte in Europa, aspetto questo destinato a cambiare in maniera radicale con il trasferimento di figure di primo piano a Redmond. La scelta potrebbe essere stata dettata da un mercato sempre più competitivo, dove alternative come Facebook Messenger e WhatsApp si impongono sempre più tra gli utenti.

Nessun Articolo da visualizzare