Windows 10

Build 2020: Project Reunion per Windows 10

Microsoft ha annunciato numerose novità per Windows 10 durante la conferenza Build 2020, tra cui la piattaforma Project Reunion che unifica lo sviluppo delle app.

Durante la prima giornata della conferenza Build 2020, quest’anno esclusivamente virtuale, Microsoft ha presentato diverse novità per Windows 10. La più importante è senza dubbio Project Reunion. Grazie alla nuova piattaforma di sviluppo è possibile realizzare app universali che funzionano su tutte le versioni del sistema operativo e su qualsiasi dispositivo.

Project Reunion per Windows 10

Windows 10 è attualmente installato su oltre 1 miliardo di dispositivi. Per incrementare questo numero è necessario l’aiuto degli sviluppatori che potranno ora sfruttare una piattaforma unificata per la realizzazione delle loro app. Finora esistevano due “mondi separati”: Win32 e UWP (Universal Windows Platform). Project Reunion rappresenta il ponte che unisce le tradizionali app Win32 e le app UWP.

È possibile aggiornare le app esistenti e sviluppare nuove app che utilizzano le funzionalità più recenti di Windows 10, mantenendo la compatibilità con le versioni precedenti del sistema operativo. Uno dei componenti chiave di Project Reunion è WinUI 3, un framework che permette di aggiungere l’interfaccia Fluent delle app UWP alle tradizionali app Win32.

Windows 10 Project Reunion
Windows 10 Project Reunion

WebView2 è invece il componente che consente di inserire contenuti web nelle app native. Le funzionalità web di Microsoft Edge e Chromium possono essere aggiunte a tutte le app Windows, indipendentemente dalla versione del sistema operativo. Le app basate su Project Reunion possono essere eseguite anche su macOS, Linux, Android e iOS attraverso il cloud, utilizzando Windows Virtual Desktop o altre soluzioni simili.

WSL, Terminal e PowerToys

Dopo aver aggiunto un kernel completo con la seconda versione del Windows Subsystem for Linux, Microsoft ha annunciato tre importanti novità che saranno disponibili nei prossimi mesi. La prima è il supporto per GPU Compute. Gli sviluppatori potranno sfruttare l’accelerazione hardware con i tool Linux. WSL 2 supporterà inoltre le app Linux GUI, senza la necessità di usare un X server di terze parti. È stata infine semplificata l’installazione di WSL 2 mediante il semplice comando “wsl.exe –install“.

Microsoft ha rilasciato anche Windows Terminal 1.0. Il tool open source può essere scaricato da Windows Store o dalla pagina dedicata su GitHub. Disponibile inoltre la preview di Windows Package Manager che permette di cercare e installare i tool di sviluppo tramite un’interfaccia a linea di comando. Infine è stato rilasciato PowerToys 0.18 che include due nuove funzionalità, ovvero il launcher PowerToys Run e Keyboard Remapper per il remapping dei tasti.

PCProfessionale © riproduzione riservata.
Seguo l'evoluzione tecnologia dalla fine degli anni '80 dopo aver acquistato il Commodore 64 e dal 2008 questa passione è diventata un lavoro. Da oltre 12 anni scrivo articoli su diversi argomenti tech e da maggio 2020 ho iniziato la collaborazione con PC Professionale.