SPID

SPID supera i 7 milioni di utenti

Nei primi mesi del 2020 è aumentato in maniera esponenziale la popolarità dell'identità digitale SPID che permette di accedere all'INPS e ad altri servizi della PA.

L’Agenzia per l’Italia Digitale (AgID) ha comunicato che il Sistema Pubblico di Identità Digitale (SPID) ha superato i 7 milioni attivi. Il numero è cresciuto rapidamente nei primi mesi del 2020, principalmente in seguito alle varie misure di sostegno al reddito e ai bonus introdotti dal governo per lavoratori e famiglie.

Nel 2019 sono state rilasciate circa 5,4 milioni di identità digitali SPID, mentre solo nei primi cinque mesi del 2020 il numero è aumentato di oltre 1,5 milioni. AgID ha fornito altri dati interessanti. Il tasso medio di attivazione settimanale è passato da 50.000 (2019) a oltre 80.000 (primi mesi del 2020) con 25.000 richieste al giorno nel mese di maggio. L’uso dell’identità digitale per accedere ai servizi online ha raggiunto un valore di 7.682.335 nel solo mese di aprile.

Una spinta importante è arrivata dalle varie misure di sostegno al reddito presentate dal governo. Anche se l’accesso all’INPS è possibile con PIN, carta d’identità elettronica e carta nazionale dei servizi, molti utenti hanno scelto SPID, in quanto può essere sfruttata per tutti i servizi online della Pubblica Amministrazione. In alcuni casi l’identità digitale è obbligatoria, ad esempio per usufruire del cosiddetto bonus mobilità.

SPID può essere richiesta presso nove service provider, tre dei quali offrono identità digitali fino al terzo livello (nome utente, password e smart card). Nel caso di Poste Italiane la procedura è molto semplice e immediata (circa 5 minuti) se il numero di telefono è già certificato, in quanto cliente di altri servizi.

Nessun Articolo da visualizzare