spotify playlist in a bottle 2024

News

Spotify lancia Playlist in a Bottle, che si potrà ascoltare solo nel 2024

Martina Pedretti | 5 Gennaio 2023

Spotify

Su Spotify arriva la funzione Playlist in a Bottle per creare una playlist personalizzata che si potrà ascolare solo nel 2024

Come funziona Playlist in a Bottle di Spotify

Dopo averci fatto rivivere il passato con Wrapped, Spotify ha deciso di guardare al futuro con Playlist in a Bottle. Questa funzione permette di creare una Playlist Futuristica da scoprire nel 2024. Ma cosa vuol dire?

Il servizio streaming ha lanciato questa novità, che introduce gli utenti a una playlist personalizzata che sarà disponibile solo a gennaio 2024. Una specie di lettera dal nostro io del passato, una macchina del tempo. Questa infatti permetterà alle nostre versioni future di guardarsi indietro e vedere quanto siamo cambiati, pensando invece al futuro e al 2024.

Come si crea la nostra Playlist in a Bottle su Spotify? Prima di tutto bisogna aggiornare l’app, dato che la funzionalità è disponibile solo da dispositivo mobile. Il prossimo step è quello di cliccare sul link dedicato, oppure cliccare su Playlist Futuristica nella home dell’app.

Arrivati a questo punto Spotify proporrà diverse domande agli utenti. Prima di tutto è necessario scegliere il look della nostra capsula del tempo, tra bottiglia, tasca di un jeans, distributore automatico di gomme, cestino per il pranzo o infine orsacchiotto di peluche. 

Lo step successivo prevede di rispondere a tre semplici domande: Quale canzone vuoi ascoltare dal vivo nel 2023?; Quale canzone ti ricorda la tua persone preferita?; Su quale brano speri di baciare qualcuno quest’anno?.

Queste sono le domande base, poi è possibile procedere anche rispondendo ad altre per ampliare la propria Playlist in a Bottle di Spotify.

Il procedimento è ora concluso, e Spotify ci propone quindi di condividere sui social la nostra capsula del tempo, promettendo che a gennaio 2024 riceveremo la Playlist in a Bottle.

Playlist in a Bottle di Spotify è disponibile per utenti premium e non su iOS e Android, solo da app mobile. In Italia la funzione è attualmente disponibile, assieme ad altri 26 mercati.

spotify karaoke come

HowTo

Come attivare la modalità karaoke su Spotify

Martina Pedretti | 29 Dicembre 2022

Spotify

Su Spotify è in arrivo la modalità karaoke, con valutazione della performance da parte di un’AI: ecco come attivarla

Come funziona lo strumento karaoke di Spotify

A giugno Spotify ha lanciato la modalità karaoke per alcuni utenti. Ma come funziona questa novità e di cosa si tratta?

Spotify ha deciso di far divertire i suoi utenti con la modalità karaoke, dove il giudice della vostra performance sarà proprio l’app. Grazie a un’AI, alla fine di ogni canzone si riceverà infatti una percentuale di precisione basata su intonazione e capacità di andare a tempo.

Come si attiva il karaoke su Spotify? Per attivare la modalità da smarpthone, basterà fare swipe verso dal basso verso l’alto su un brano in ascolto. Così facendo si aprirà la zona dedicata al testo e apparirà anche un microfono con la scritta “canta”. Lo stesso vale anche per la versione desktop della piattaforma streaming musicale.

Vi avvisiamo che non tutti gli account hanno a oggi ottenuto questa funzione, ma sicuramente aggiornando l’app avrete più possibilità.

Secondo l’azienda, il lancio della nuova funzione è previsto per i prossimi mesi, ma non è ancora stata fornita una data specifica. Inoltre sappiamo che non è una funzione esclusiva dei clienti Premium.

Voi avete la funzione karaoke di Spotify? Siete pronti a cantare e farvi valutare dall’intelligenza artificale dell’app?

mercoledì lady gaga spotify canvas

News

Lady Gaga inserisce Mercoledì nel Canvas Spotify di Bloody Mary

Martina Pedretti | 2 Dicembre 2022

Spotify

Lady Gaga ha deciso di omaggiare Mercoledì inserendo una scena della serie nel Canvas Spotify del brano Bloody Mary, virale su TikTok

Nel Canvas Spotify di Bloody Mary di Lady Gaga appare Mercoledì

Mercoledì è la nuova serie Netflix firmata da Tim Burton e sta spopolando su TikTok, tanto da aver anche riportato Bloody Mary di Lady Gaga in classifica a 11 anni di distanza. Per omaggiare lo show, la cantante ha inserito la piccola Addams nel Canvas Spotify del brano.

Su TikTok è diventato virale un remix di Bloody Mary di Lady Gaga, associato a un trend che riprende il ballo di Mercoledì nella serie. La canzone, contenuta nell’album Born This Way e uscita 11 anni, sta tornando a scalare le classifiche, e deve il suo successo proprio al social e alla serie.

Non è una novità che le canzoni virali su TikTok ottengano successo anche in classifica e nelle piattaforme streaming. Questo è stato il caso di Lady Gaga, che ha anche deciso di inserire la danza di Mercoledì nel Canvas Spotify di Bloody Mary. Ecco una clip:

Per chi non sapesse cos’è un Canvas, è quel video che appare in loop su Spotify quando si riproduce una canzone. Molti artisti realizzano clip verticali pensate ad hoc per questo spazio, mentre altri usano spezzoni dal video ufficiale del brano. In questo caso Lady Gaga ha inserito Jenna Ortega mentre danza nei panni di Mercoledì.

I Canvas Spotify si possono anche condividere nelle Storie di Instagram, quindi provate a farlo con Bloody Mary!

spotify wrapped quali mesi traccia

App

Quali mesi traccia Spotify Wrapped e quanto è accurato

Martina Pedretti | 1 Dicembre 2022

Spotify

Quale periodo dell’anno viene incluso nello Spotify Wrapped? I mesi tracciati e quanto effettivamente è accurato il conteggio

Di quali mesi dell’anno tiene conto Spotify Wrapped?

Spotify Wrapped 2022 è finalmente arrivato, ma quanto è accurato e quando inizia effettivamente a monitorare le nostre abitudini di ascolto? Ecco di quali mesi tiene traccia la piattaforma.

Il 30 novembre Spotify ha sorpreso Internet lanciando il Wrapped del 2022. Alcuni utenti però hanno segnalato di aver ricevuto risultati molto diversi da quelli che si aspettavano e la ragione è molto semplice.

Nonostante quello che si potrebbe supporre, Spotify Wrapped non calcola gli ascolti in streaming di tutto l’anno corrente. Il periodo tracciato inizia infatti sempre il 1° gennaio e termina il 31 ottobre. Questo dà a Spotify il tempo di mettere insieme tutti i risultati in tempo per dicembre. Tuttavia però ciò significa anche che gli ascolti di novembre e dicembre rimangono sempre esclusi dal conteggio.

Per quanto riguarda l’accuratezza dei risultati, Spotify non parla in dettaglio di come raccoglie i suoi dati. Potrebbe essere infatti che, proprio come Apple Music, Spotify Wrapped conteggi solo i brani ascoltati in modalità online e non tenga traccia di quelli offline. Per questo potrebbe non essere stata conteggiata una parte della musica ascoltata da ogni utente.

Detto questo, per la maggior parte, i risultati ottenuti dovrebbero essere abbastanza accurati. Se quindi non capisci perché quel determinato artista sia nella tua Top 5, non ci sono dubbi sul fatto che tu l’abbia ascoltato molto.

Aggiungi alla collezione

No Collections

Here you'll find all collections you've created before.