Spotify non supporterà più alcuni diffusori audio

Con il prossimo arrivo di HomePod, Spotify ha abbandonato il supporto ad alcuni modelli di diffusori. Per qualcuno potrebbe però esserci ancora una possibilità di non perdere la propria musica.

A meno di una settimana dal lancio di HomePod, Spotify ha abbandonato il supporto nativo ad alcuni modelli di diffusori audio: in particolare sono stati colpiti i prodotti di Onkyo, Denon, Marantz, Bang & Olufsen, Pioneer, e Yamaha. Già nei mesi scorsi l’azienda aveva annunciato questa mossa, che priva i dispositivi coinvolti della possibilità di collegarsi a Spotify senza collegare un telefono, tramite Spotify Connect; tuttavia, non ci sono stati cambiamenti immediati per gli utenti. Adesso che lo switch-off è effettivamente avvenuto, molti consumatori hanno rivolto proteste nei confronti del servizio di streaming musicale, specialmente attraverso il forum di supporto ufficiale, criticando il fatto, tra le altre cose, che il supporto all’applicazione fosse addirittura pubblicizzato sulla confezione dell’apparecchio.

Spotify audio
Spotify ha abbandonato il supporto ad alcuni dispositivi coi quali era possibile utilizzare l’applicazione senza aver bisogno di collegare il telefono.

Stando a quando dichiarato da un portavoce di Spotify a The Verge, il cambiamento sarebbe stato reso necessario da un aggiornamento della piattaforma di back-end del servizio, che avrebbe reso l’applicazione incompatibile con alcuni modelli più obsoleti di diffusori audio, in vista dell’introduzione di nuove funzioni per Spotify Connect. In alcuni casi potrebbe però esserci una soluzione: Yamaha e Denon hanno annunciato infatti che provvederanno a rendere disponibile un aggiornamento firmware per i propri clienti, in modo da ripristinare la compatibilità. Per quanto riguarda gli altri clienti, invece, il supporto all’applicazione probabilmente non sarà ripristinato, e sarà quindi necessario trovare una soluzione diversa: il tempismo rispetto al lancio di HomePod è difficile da considerare una coincidenza.

PCProfessionale © riproduzione riservata.