Spotify Premium Duo

Spotify Premium Duo, abbonamento per i congiunti

Spotify Premium Duo, disponibile a 12,99 euro/mese, permette di condividere l'ascolto musicale (e la spesa) tra due persone nella stessa abitazione.

Spotify ha annunciato un nuovo abbonamento che permette di condividere lo stesso piano tra due persone conviventi, mantenendo separati gli account. Premium Duo era già disponibile in test da marzo 2019 e in Sud America da settembre 2019. Ora è arrivato in altri paesi, tra cui l’Italia.

Spotify Premium Duo: funzionalità e prezzo

Il requisito principale per sottoscrivere l’abbonamento Premium Duo è vivere nella stessa abitazione, quindi la coppia di utenti deve avere lo stesso indirizzo di residenza. Gli abbonati Premium possono passare al nuovo piano, conservando musica, playlist, podcast e consigli salvati. L’utente che accede a Premium Duo deve invitare l’altra persona tramite email, WhatsApp o altri metodi. Ogni persona ha un account Premium personale, quindi non è necessario condividere i dati di accesso.

Se si tratta della prima iscrizione al servizio è possibile usufruire di un mese di ascolto gratuito. Il prezzo dell’abbonamento è 12,99 euro/mese (che può essere suddiviso tra i due utenti, ma la fattura arriverà alla persona che ha effettuato l’iscrizione). A titolo di confronto, gli abbonamenti Premium (un account) e Premium Family (6 account) costano 9,99 euro/mese e 14,99 euro/mese, rispettivamente.

Le funzionalità rimangono invariate: ascolto senza interruzioni pubblicitarie di singoli brani musicali, skip illimitati e modalità offline (molto utile per lunghi viaggi in aereo o in caso di scarsa connettività). In più c’è la funzionalità Duo Mix, una playlist che viene aggiornata regolarmente in base alla cronologia di ascolto condivisa, quindi che soddisfa i gusti musicali di entrambi gli utenti. La playlist può essere anche scaricata sullo smartphone per l’ascolto offline.

PCProfessionale © riproduzione riservata.
Seguo l'evoluzione tecnologia dalla fine degli anni '80 dopo aver acquistato il Commodore 64 e dal 2008 questa passione è diventata un lavoro. Da oltre 12 anni scrivo articoli su diversi argomenti tech e da maggio 2020 ho iniziato la collaborazione con PC Professionale.