Finalmente un Ssd per i nuovi MacBook

Fino ad oggi chi voleva acquistare un computer portatile Apple MacBook Pro o MacBook Air doveva prendere una importante ed onerosa decisione durante la scelta della configurazione. Quando l’azienda di Cupertino ha deciso di introdurre sui propri modelli i dischi Ssd, per l’utente è diventato molto difficile e in alcuni casi impossibile (sui modelli prodotti dopo il 2013) effettuare aggiornamenti del comparto di archiviazione a causa della mancanza sul mercato libero di unità  compatibili che potessero essere sostituite con quella originale in un secondo momento. Proprio per questo motivo e per l’elevato prezzo chiesto da Apple per avere dischi Ssd più capienti rispetto a quello base – generalmente da 128 Gbyte – gli utenti si sono trovati a dover decidere se accettare l’elevato sovrapprezzo imposto da Apple o se accontentarsi di soli 128 Gbyte di disco Ssd integrato.

L'intero di un MacBook Pro (da iFixit) di recente produzione e il disco Ssd (evidenziato in rosso).
L’intero di un MacBook Pro (da iFixit) di recente produzione e il disco Ssd (in rosso).

Oggi, finalmente, c’è una soluzione alternativa. OWC (Other World Computing) – azienda specializzata nella produzione dischi e memorie per l’aggiornamento dei sistemi Apple – ha, infatti, messo sul mercato due nuovi prodotti – chiamati Aura – che possono aiutare gli utenti ad aggiornare lo spazio di archiviazione interno dei portati Apple. Si tratta di due dischi Ssd progettati per essere installati all’interno dei computer Apple MacBook Pro e MacBook Air in commercio a partire dal 2013. Il primo modello ha una capacità  di 480 Gbyte, mentre il secondo – indirizzato agli utenti più esigenti – ha una capacità  complessiva di 1 Tbyte.
Sostituire il disco di un MacBook Pro o di un MacBook Air di recente produzione non è una cosa da tutti, ma nemmeno impossibile. Il disco è raggiungibile smontando lo scudo inferiore del telaio del notebook, ma fino ad oggi non esistevano dischi compatibili in quanto i dischi Ssd impiegati da Apple non sono di tipo standard.

Una volta aperto il notebook e tolte le viti il disco può essere rimosso abbastanza facilmente.
Il disco può essere rimosso una volta aperto il notebook e tolte le viti (da iFixit).

I nuovi kit di aggiornamento commercializzati da OWC contengono tutti gli attrezzi (un cacciavite Torx e uno Pentalobe), un case esterno per collegare il disco ed eseguire lo spostamento dei dati e le istruzioni passo passo per portare a termine l’aggiornamento in autonomia e senza l’assistenza di un tecnico specializzato (a patto che vi fidiate delle vostre capacità  e che non vi facciate prendere dal panico per dover aprire il notebook). Il prezzo non è concorrenziale, ma del resto al momento non esistono altre alternative, fatta eccezione quella di acquistare un nuovo MacBook Pro o MacBook Air dotato di un disco più capiente. Il modello da 480 Gbyte ha un costo di 399,00$ in versione Kit (347,99$ per il solo disco), mentre quello da 1 Tbyte ha un costo di 649,00$ in versione Kit (597,99$ per il solo disco).

Il kit Aura è composto dal disco Ssd, da un cacciavite Torx, da un cacciavite Pentalobe e da un case esterno per collegare il disco al sistema ed eseguire il travaso dei dati.
Il kit Aura è composto dal disco Ssd, da un cacciavite Torx, da un cacciavite Pentalobe e da un case esterno per collegare il disco al sistema ed eseguire il travaso dei dati.
PCProfessionale © riproduzione riservata.