teamviewer

TeamViewer: dopo l’hack arrivano due nuove funzioni

TeamViewer, uno dei software di controllo remoto più utilizzati e passato alle cronache recenti per la falla di sicurezza che ha visto compromesso un considerevole numero di accessi ai sistemi, correi ai ripari con un aggiornamento. La falla di sicurezza, confermata nelle ultime ore dalla stessa TeamViewer ha velocizzato il rilascio di due nuove funzioni che dovrebbero tutelare maggiormente gli utenti del client. Si tratta di Trust Devices e Data Integrity.

Teamviewer: un aggiornamento pensato per la sicurezza degli account

Trust Devices, letteralmente dispositivi riconosciuti, protegge gli utenti registrati da tentativi di accesso o log in da nuovi dispositivi chiedendo autorizzazione prima di continuare con la procedura. Una notifica in-app chiederà  di approvare il dispositivo con un link che sarà  inviato all’indirizzo di posta elettronica inserito in fase di registrazione dell’account di TeamViewer.

Data Integrity, la seconda misura di sicurezza, è stata ideata per aumentare la protezione contro i tipici attacchi dei cybercriminali che sfruttando la pessima abitudine di alcuni utenti di usare la stessa password per più servizi online, usano le password sottratte a un servizio, per comprometterne altri. In questo caso Data Integrity forza un reset della password qualora un account abbia delle attività  sospette come il log in da diverse località  geografiche effettuato nel giro di poche ore. In questo caso l’utente riceverà  una password con le istruzioni per il reset.

Le due novità , riguardano gli utenti che usano il client di controllo remoto legandolo a un account personale. Quindi registrandosi prima e accedendo ogni volta a TeamViewer dalla finestra di log in posizionata nella parte inferiore della schermata principale del programma.

La notizia dell’aggiornamento è stata annunciata agli utenti con una mail in cui oltre alle nuove funzioni illustrate, il team ricorda le basilari regole di sicurezza per proteggere gli account:

  • Utilizzare una password unica e sicura e modificarla di frequente.
  • Assicurarsi di avere installato un antivirus.
  • Abilitare l’autenticazione a due fattori quando possibile. (TeamViewer lo permette)

 

 

PCProfessionale © riproduzione riservata.