Alexa Care Hub

Alexa Care Hub semplifica l’assistenza a distanza

Alexa Care Hub è la nuova funzionalità sviluppata da Amazon che permette di effettuare l'assistenza a distanza, controllando le attività dei familiari più anziani.

Alexa fornisce ogni genere di informazione agli utenti e in alcuni casi è diventata anche una compagna digitale, soprattutto per le persone anziane. Amazon ha quindi deciso di sviluppare la nuova funzionalità Care Hub che permette di assistere a distanza i familiari tramite un dispositivo Echo e l’app per smartphone. La novità è al momento disponibile solo negli Stati Uniti, ma potrebbe arrivare anche in altri paesi.

Innanzitutto è necessario scaricare l’ultima versione dell’app Alexa. L’utente deve quindi selezionare la voce Care Hub nel menu e inviare un invito al familiare. Quest’ultimo deve cliccare sul link, effettuare il login all’account Amazon e inserire i dati dell’utente (nome e indirizzo email). In questo modo viene creato un collegamento tra i due account. Occorre anche impostare le funzionalità di comunicazione (chiamate di emergenza e Drop-In).

L’assistenza remota con Care Hub avviene mediante il controllo delle attività. Gli utenti possono, ad esempio, ricevere una notifica quando i familiari più anziani interagiscono con Alexa all’inizio della giornata oppure se non viene rilevata nessuna attività ad un certo orario.

La privacy viene garantita, in quanto Care Hub visualizza l’elenco delle attività suddivise per categoria (intrattenimento, routine, promemoria e altre), ma non viene mostrata la specifica richiesta (ad esempio quale brano musicale è stato riprodotto).

Alexa Care Hub

Se la persona anziana ha inserito il numero di telefono di un familiare è possibile usarlo come contatto di emergenza. Ad esempio con il comando “Alexa, chiedi aiuto” viene effettuata una chiamata o inviato un messaggio. Utilizzando un Echo Show è possibile sfruttare le videochiamate.

PCProfessionale © riproduzione riservata.
Seguo l'evoluzione tecnologia dalla fine degli anni '80 dopo aver acquistato il Commodore 64 e dal 2008 questa passione è diventata un lavoro. Da oltre 12 anni scrivo articoli su diversi argomenti tech e da maggio 2020 ho iniziato la collaborazione con PC Professionale.