Facebook

Il campione dei social network gestisce anche le foto, ma in maniera elementare e senza preservarne la qualità originale.

Facebook, uno dei pilastri del social a livello mondiale, include anche una sezione dedicata alle foto e ai video dove ogni utente registrato ha a disposizione una pagina per caricare – ed eventualmente organizzare in album – le proprie riprese. Le foto appaiono disposte a riquadri adiacenti, ordinati in base alla data di scatto e facilmente editabili per quanto riguarda la data e il luogo raffigurato. Per quest’ultima informazione non è previsto il geotagging, ma si può scrivere la località: se questa è già presente negli archivi del sito apparirà una piccola cartina geografica non modificabile. Da segnalare la possibilità di scegliere il riquadro che sarà visualizzato come miniatura nel caso di foto panoramiche e la funzione di riconoscimento dei volti, che evidenzia il viso della persona e lascia all’utente il compito di digitarne il nome. Gli scatti possono essere non solo pubblici o privati ma anche visibili solo agli amici oppure a una parte di questi; è persino possibile indicare i singoli nomi degli utenti da escludere.

Facebook ha da poco aggiunto una funzione elementare per individuare i volti delle persone inquadrate.
Facebook ha da poco aggiunto una funzione elementare per individuare i volti delle persone inquadrate.

Analogamente ad altri servizi provati, Facebook non offre alcuno strumento per il fotoritocco; tuttavia, decisamente più grave è il trattamento riservato alle foto caricate (ma anche i video subiscono un trattamento simile), poiché vengono drasticamente scalate a una larghezza di appena 720 o 960 pixel. Fortunatamente, è possibile limitare i danni sfruttando l’alternativa della modalità di upload Alta qualità che riduce gli scatti a una larghezza massima di 2.048 punti, purtroppo ancora pochi per le immagini ottenute con le fotocamere e gli smartphone attuali. Anche la qualità è ridotta: i Jpeg – unico formato ammesso – sono ricompressi in maniera aggressiva, come è facile verificare caricando e scaricando una foto. Una delle nostre immagini di test, in origine di 4.752 x 3.168 pixel e con una dimensione di circa 6.000 Kbyte, è ritornata dal sito con una risoluzione di 2.048 x 1.365 punti compressi in un file grande appena 240 Kbyte.

In sostanza, Facebook non è certo adatto ai professionisti e agli appassionati di fotografia che ritengono importante salvaguardare la risoluzione e la qualità delle foto caricate su Web: tuttavia, in virtù dell’enorme numero di utenti si rivela senz’altro un’ottima piattaforma per far conoscere al mondo i propri scatti.

PRO Una delle più frequentate piattaforme social / Gestione delle foto semplice e intuitiva

CONTRO Foto e video sono riscalati e ricompressi drasticamente / Geotagging e riconoscimento volti elementari

Torna alla comparativa

PCProfessionale © riproduzione riservata.