flickr

L’elevato numero di iscritti rende il sito un ottimo strumento di condivisione delle foto, ma l’interfaccia è migliorabile.

Flickr è un riferimento per gli appassionati di fotografia, fin dall’esordio nel 2004. Effettuata la registrazione con un account di Yahoo – la società proprietaria – si inizia subito con l’upload delle foto, semplicemente trascinandole direttamente nel browser. Il sistema accetta anche foto a piena risoluzione (in upload e download, come Jpeg e Png) e video nei formati più comuni. Le immagini sono caricate nel Rullino e appaiono ordinate/raggruppate solo per data di scatto o di caricamento (anno e mese). Di default, vengono classificate come private, ma naturalmente è possibile renderle visibili a chiunque o a una cerchia definita di persone. Oltre al Rullino sono disponibili le pagine Fotostream e Vetrina: la prima mostra tutte le immagini caricate sotto forma di tessere (tile), sempre in ordine cronologico, la seconda raccoglie le foto che l’utente vuole mostrare per prime al pubblico.

Flickr permette di ritagliare, raddrizzare e correggere il bilanciamento dei colori della foto.
Flickr permette di ritagliare, raddrizzare e correggere il bilanciamento dei colori della foto.

Cliccando sulla miniatura di una foto caricata si accede alla pagina dove sono elencate tutte le informazioni relative, come i dati Exif di scatto, la posizione geografica, i tag e i nomi delle persone visibili nell’inquadratura. Le informazioni aggiuntive alle Exif vanno immesse manualmente, una foto alla volta oppure in modalità batch per un gruppo selezionato; per le coordinate geografiche basta trascinare i documenti su una cartina mondiale, in maniera facile e immediata. È disponibile un editor elementare, che permette di effettuare ritagli, rotazioni e correzioni cromatiche. È possibile applicare parecchi filtri, scegliere tra tre cornici, inserire testi, figure e pennellate.

Flickr consente di creare album virtuali con le foto selezionate, dispone di un motore di ricerca per chiave e offre anche – solo per gli abbonati – una pagina con le statistiche di visualizzazione da parte dei visitatori. È inoltre possibile associarsi a gruppi tematici (paesaggi, fotogiornalismo e altri) e memorizzare gli autori preferiti. Infine sono ordinabili (dagli USA) fotolibri e stampe su tela/pannelli, ma i costi sono elevati: un fotolibro di 20 pagine costa circa 35 dollari, più 30 per la spedizione in Italia.

Flickr offre 1 Tbyte di spazio gratuito, con annunci pubblicitari; l’abbonamento costa 5,59 dollari al mese o 49,99 dollari all’anno.

PRO Upload e download di foto a piena risoluzione / 1 Tbyte di spazio gratuito / Ampio set di strumenti per il fotoritocco e il tagging

CONTRO Interfaccia piuttosto articolata / La stampa è fatta solo in Usa / Manca lo strumento di correzione per gli occhi rossi

Torna alla comparativa

PCProfessionale © riproduzione riservata.