ImageShack

Lo storico ImageShack (gratuito ma con pubblicità non esiste più) è sostituito dal modello a pagamento con spazio illimitato.

ImageShack è nato sul finire del 2003 e fino al 2014 ha permesso agli appassionati di caricare gratuitamente le proprie foto, con la visualizzazione delle immagini accompagnata da banner pubblicitari; da gennaio 2014 il sito ha cambiato politica, eliminando la pubblicità ma rendendo obbligatorio l’abbonamento a pagamento. Chi si registra può scegliere i contratti Basic, Pro o Premium. Tutti e tre garantiscono spazio e upload illimitati per foto fino a 25 MB, ma cambia l’ampiezza di banda disponibile al mese, ovvero quante visualizzazioni sono possibili in 30 giorni. Un utente privato che condivide le foto con i conoscenti non necessita di molta banda, al contrario chi gestisce un sito con link alle foto memorizzate su ImageShack deve invece averne molta a disposizione, per garantire la visualizzazione a tutti i visitatori del sito. L’abbonamento Basic costa 3,99 dollari al mese (37,99 dollari all’anno) e include una banda di 30 GB, mentre il Pro costa 29,99 dollari mensili (285,99 dollari all’anno) per una banda fino a 1.024 GB, equivalente a un massimo di un milione di visualizzazioni di una foto grande 1 MB. Premium invece costa 99,99 dollari al mese (953,99 dollari all’anno), per una banda fino a 4 TB. Il sito offre un periodo di prova gratuita di un mese (con una banda di 10 Gbyte) e uno sconto del 50% sulla tariffa del primo anno di abbonamento.

Le regolazioni cromatiche disponibili in ImageShack si riducono all’essenziale. Originale lo sfondo con la foto sfocata.
Le regolazioni cromatiche disponibili in ImageShack si riducono all’essenziale. Originale lo sfondo con la foto sfocata.

Il caricamento standard delle foto è a piena risoluzione, ma è attivabile anche il ridimensionamento automatico con preset che spaziano da 100 x 75 a 1.600 x 1.200 pixel; le immagini sono classificate come private ma bastano due clic per renderle pubbliche. La pagina principale ha uno stile semplice e piuttosto elegante, con le miniature disposte a scacchiera oppure (in versione più grande) a scorrere. Opinabile a nostro avviso la suddivisione in più pagine, più scomoda rispetto allo scroll illimitato di altri siti. La creazione di album e l’impostazione pubblico/privato/protetto con password e sono operazioni semplici e intuitive, così come l’assegnazione delle parole chiave (ma senza la possibilità di impostare le coordinate geografiche). Il fotoritocco è minimale poiché limitato alle regolazioni degli attributi (esposizione, luminosità, contrasto, saturazione e nitidezza) e al ritaglio, senza preset o vincoli per conservare il rapporto d’aspetto originale.

PRO Spazio di archiviazione illimitato per le foto / Nessuna ricompressione o scalatura fino a 25 Mbyte

CONTRO Fotoritocco elementare / Nessun geotagging

Torna alla comparativa

PCProfessionale © riproduzione riservata.