Nuovi (e vecchi) trend per la formazione professionale

Nuovi (e vecchi) trend per la formazione professionale

Il punto con Openjobmetis sulle domande del mercato del lavoro, tra presente, passato e futuro. 

Gli ultimi dati di Anitec-Assinform – Associazione Italiana per l’Information and Communication Technology (ICT) legata a Confindustria – parlano chiaro: il mercato ICT è in salute. E in crescita. Nel 2017 il mercato digitale italiano (nel suo complesso) è cresciuto del 2,3% arrivando a sfiorare i 69 miliardi di euro, mentre le previsioni per i prossimi anni lasciano intravedere risultati ancora più rosei: +2,6% per il 2018, +2,8% per il 2019, +3,1% per il 2020.

Più nello specifico nel 2017 i servizi ICT hanno superato gli 11 miliardi (+4%) mentre i software e le soluzioni ICT i 6,6 miliardi (+5,9%). All’interno del mercato ICT ci sono settori con crescita a doppia cifra, come IoT (+17,4%), sicurezza (+10,8%), cloud (+23,3%), big data (+20,1%), piattaforme gestione web (+14,2%), mobile business (+11,9%). Anche se il loro peso è ancora limitato, ci sono poi nicchie con tassi di crescita davvero esplosivi: stiamo parlando di intelligenza artificiale / cognitive computing (+58,7%), e blockchain (+88,2%). Un mercato in crescita, che in futuro richiederà skills sempre più precise e che richiedono una formazione professionale dinamica e in grado di tenere il passo con le aziende. 

Come cambia (e cambierà) il mercato

Per fare il punto su come è cambiato (e cambierà) il mercato del lavoro abbiamo incontrato Cosimo Sansalone, responsabile della divisione ICT di Openjobmetis (www.openjobmetis.it). Openjobmetis è un’Agenzia per il Lavoro presente sul mercato italiano da oltre 17 anni ed è stata la prima (e unica) a essere quotata nella Borsa italiana.

Cosimo Sansalone Responsabile della divisione Information & Communication Technology di Openjobmetis.
Cosimo Sansalone, Responsabile della divisione Information & Communication Technology di Openjobmetis.

PC Professionale: Partiamo dai numeri, come sta crescendo la divisione ICT in Openjobmetis?

Cosimo Sansalone: La nostra divisione ICT, in sette anni di attività, ha organizzato più di 60 corsi di formazione professionale ed aiutato oltre 600 giovani a migliorare le proprie competenze, di questi più del 70% è stato accolto nel mondo del lavoro con mansioni tecnico/informatiche. Nel 2017 abbiamo organizzato, per il settore IT, 15 corsi di formazione professionale, coinvolgendo 22 aziende. E dei 180 corsisti che hanno partecipato, 120 sono stati assunti alla fine del percorso. Come tutto il settore ICT, anche i nostri risultati sono in crescita: ad agosto 2018 abbiamo già replicato i dati relativi a tutto il 2017. E abbiamo ancora tanti corsi in partenza nell’ultimo trimestre di quest’anno.

Le novità: blockchain e machine learning

PC Professionale: Sono ancora nicchie di mercato, ma i settori dell’intelligenza artificiale e del blockchain promettono di rivoluzionare le nostre vite (e le opportunità di lavoro). Come vi state muovendo per coprire queste nuove esigenze?

Cosimo Sansalone: Intelligenza artificiale e blockchain sono senza dubbio le tecnologie emergenti nel mondo IT. In Italia stiamo iniziando a parlarne da breve tempo, e si corre il rischio che, quando queste tecnologie saranno pienamente diffuse, non potremo più considerarle innovazioni, perdendo così importanti occasioni di crescita. In quest’ottica sono senza dubbio molto interessanti e importanti i due percorsi che abbiamo definito con Torno Subito (un piano di sviluppo di percorsi di formazione e di sperimentazione di esperienze in ambito lavorativo promosso dalla Regione Lazio n.d.r.), uno legato al machine learning e uno mirato ai vari aspetti del blockchain.

Per quanto riguarda quest’ultimo posso già anticipare che saremo partner insieme a SIA Service (Servizi Integrati Assindustria) in un master, finanziato dalla Regione Lazio, per esperti blockchain. Il master partirà a tra febbraio e marzo 2019 a Lugano e sarà strutturato come un percorso formativo diviso in 13 moduli, per complessive 390 ore di corsi in 4 mesi. Abbiamo già presentato i profili dei 12 canditati ai più importanti gruppi bancari e finanziari italiani e il loro feedback è senza dubbio molto positivo, a corso iniziato pianificheremo i colloqui con gli interessati. Visto il successo che questa iniziativa ha suscitato, stiamo pensando di replicare il percorso formativo, vorremmo pertanto entrare in contatto con laureati in informatica brillanti ai quali dare questa grande opportunità.

La formazione professionale “riscopre” le vecchie competenze

PC Professionale: Insomma, la formazione professionale è sempre più orientata alle nuove tecnologie?

Cosimo Sansalone: In realtà no, esiste ancora richiesta per competenze solo all’apparenza superate. Per esempio il primo percorso formativo del 2018, realizzato per conto di una delle aziende leader del mondo IT, verteva sulla tecnologia mainframe. E, alla fine del percorso, tra gli 11 corsisti che hanno partecipato al corso di Operatore Mainframe 9 hanno ricevuto una proposta di assunzione. 

PC Professionale: Se blockchain e machine learning rappresentano il futuro e mainframe il passato, cosa può dirci del presente?

Cosimo Sansalone: Numericamente Java e .net rappresentano ancora il cuore della nostra formazione. Basti pensare che sono previsti a breve 19 percorsi con 3 indirizzi diversi (Java, .net e big data) su 3 diversi sedi (Milano, Roma e Torino). Si tratta di corsi finanziati da ANPAL (Agenzia Nazionale per le Politiche Attive del Lavoro), in cui la formazione è fatta da Eulab mentre la selezione è effettuata da Openjobmetis. Un altro progetto molto interessante è quello partito il 24 settembre per la formazione di Sistemista Networking (nelle sedi di Milano e Padova). Per il 2018 il cliente che ci ha commissionato i due percorsi formativi ha deciso di puntare sui giovani con l’inserimento di personale junior nelle due sedi, ma per il 2019 è già preventivato un incremento dell’organico.

Un’opportunità per il mondo ICT

PC Professionale: Pur parlando di “freddi” numeri, è evidente il suo coinvolgimento parlando di formazione.

Cosimo Sansalone: Come responsabile della divisione ICT sicuramente mi entusiasmo nel portare avanti progetti orientati alle nuove tecnologie, ma vi posso garantire che l’emozione provata nel vedere le reazioni dei ragazzi nel momento in cui gli è stata comunicata l’assunzione non ha prezzo.

Questo mi convince sempre di più che il nostro orientamento deve assolutamente guardare in ugual misura al passato, al presente e al futuro. Anche se oggi abbiamo parlato di formazione per lo più rivolta ai giovani, vorrei ricordare che la divisione ICT di Openjobmetis è in grado di supportare sia candidati sia clienti su tutti gli aspetti inerenti al mondo ICT (certificazioni, assunzioni a termine, assunzioni a tempo indeterminato, ricerca e selezione ecc). Invito i candidati e i clienti, che vogliono entrare in contatto con la mia squadra, a scrivere un’e-mail a [email protected], specificando la propria richiesta. Saranno ricontattati prontamente.

Potrebbero interessarti anche:

Openjobmetis, il settore informatico ha ancora fame di talenti

Cresce la domanda di specialisti per il settore informatico

Openjobmetis investe nella formazione per l’ICT

 

 

 

PCProfessionale © riproduzione riservata.