News

Un data centre da 1 miliardo di dollari per Apple

Redazione | 4 Giugno 2009

Apple

Dovrebbe sorgere nel North Carolina, in cambio di agevolazioni fiscali, e servirà  a gestire la crescita dei servizi on line legati all’Apple Store e ad iTunes.

Un data centre da un miliardo di dollari, quasi il doppio di quanto Google spende oggi per gestire i suoi centri di calcolo. La notizia trapela dal sito tecnologico The Register che cita l’Associated Press, secondo cui il governo dello Stato del North Carolina starebbe studiando un piano di incentivi fiscali per convincere Apple a costruire un mega data centre da un miliardo di dollari, che darebbe lavoro a centinaia di persone in una delle zone a più alto tasso di disoccupazione degli Stati Uniti, come la costa orientale del North Carolina. logo apple.png
Gli incentivi sarebbero pari a 46 milioni di dollari nei prossimi dieci anni, se effettivamente Apple porterà  a termine l’investimento previsto nel corso di un arco di tempo di nove anni. Non solo, qualora il data centre Apple dovesse rimanere in funzione per 30 anni, esso porterebbe nelle tasche di Apple un risparmio di oltre 300 milioni di dollari in tasse
Lo Stato del North Carolina, di fronte a una tale opportunità , sarebbe addirittura disposto a modificare l’attuale sistema che regola l’elargizione di incentivi fiscali alle aziende che investono localmente, e che prevede che possano godere di tali benefici solo le società  che detengono un’ampia parte delle loro attività  e dei loro dipendenti in quello Stato.
La zona peraltro non è nuova agli investimenti in server farm, visto che anche Google nel 2007 accettò di investire 600 milioni di dollari in un data centre nell’ovest del paese, in cambio del qual ottenne un pacchetto di incentivi fiscali pari a 260 milioni di dollari in 30 anni.
Resta la domanda di cosa se ne farà  Apple di una server farm così gigante, e questa sarà  la parte più interessante della storia.