robot-coreografi-university-college-londra

Dallo University College di Londra arrivano i robot coreografi

La robotica continua a stupire il mondo, presentando macchine sempre più evolute, in grado di compiere un gran numero di compiti complessi – anche in ragione della presenza di forme di intelligenza artificiale particolarmente avanzate. A questo proposito, una delle ultime novità  è rappresentata dall’arrivo di robot coreografi, realizzati in collaborazione tra lo University College di Londra e un’azienda statunitense.

Grazie al lavoro congiunto dei ricercatori, infatti, è stato possibile dotare i robot della capacità  di interagire con l’uomo durante il ballo, per dare vita a nuove forme di quest’arte: grazie all’utilizzo di un tool per tracciare i movimenti, che analizza i dati provenienti da una sorta di armatura con sensori ad hoc montata sui ballerini, è possibile riprodurre in real time i movimenti attraverso le macchine, creando un’interazione assoluta.

Da questo punto di vista, non è la prima volta tuttavia che la robotica fa il suo ingresso all’interno del mondo dello show business, considerando come il famoso Cirque du Soleil ha introdotto durante il mese di aprile 2016 l’uso di otto droni nel suo spettacolo Paramour, durante le esibizioni a Broadway: in questo caso, le macchine fungono da paralumi in grado di ballare assecondando il ritmo della musica riprodotta.

Tutto ciò è possibile grazie all’utilizzo di software che permettono di sfruttare in maniera molto avanzata parametri come la localizzazione, in combinazione con algoritmi che permettono di evitare che i droni possano avvicinarsi troppo tra di loro o agli artisti, andando a creare situazioni in cui si possano verificare degli incidenti potenzialmente pericolosi per chi si esibisce e, magari, pure per gli spettatori.

Nessun Articolo da visualizzare