ecco-intelligenza-artificiale-previsioni-influenza

Ecco l’intelligenza artificiale per l’influenza

Con la stagione dei malanni ormai alle porte, dalla Columbia University ci giunge una notizia interessante: alcuni ricercatori, infatti, hanno sviluppato un’intelligenza artificiale che, sulla base dell’analisi degli spostamenti quotidiani dei pendolari, è in grado di predire il trend influenzale nei diversi quartieri in cui avviene il monitoraggio, così come riporta Plos Computational Biology.

Il modello realizzato dagli studenti dell’ateneo statunitense è stato applicato alla città  di New York, utilizzando i dati dell’incidenza influenzale in 52 differenti zone della Grande Mela nel periodo temporale compreso tra il 2008 e il 2013, unendo a questi ultimi i dati del Cdc e, soprattutto, inserendo nei dati analizzati dall’AI anche le statistiche relative agli spostamenti in città  delle persone.

Grazie a tutte queste informazioni, l’intelligenza artificiale è capace di prevedere un lieve picco influenzale, in un quartiere, offrendo i dati con un anticipo di una settimana, nell’82 percento dei casi: al contrario, l’AI non è in grado di effettuare previsioni efficaci nel caso di picchi più diffusi.

La durata dei focolai di influenza è stata prevista con il 77% di precisione e, in un caso su due, la vastità  dei picchi verificatisi è stata prevista in modo perfetto. Grazie ai dati relativi ai pendolari, poi, l’accuratezza delle previsioni risulta essere superiore, con un servizio che aiuta a rendere più efficiente l’adozione di soluzioni a favore della salute pubblica.

Nessun Articolo da visualizzare