News

Ha 15 anni il primo campione del World Drone Prix

Michele Braga | 14 Marzo 2016

Droni

Nel corso del weekend, a Dubai, si è tenuto il primo campionato mondiale di corse con i droni – World […]

Nel corso del weekend, a Dubai, si è tenuto il primo campionato mondiale di corse con i droni – World Drone Prix – con la partecipazione di 150 squadre provenienti da tutto il mondo. Luke Bannister, un ragazzo britannico di 15 anni proveniente dalla contea di Somerset, si è aggiudicato il primo gradino del podio diventando il primo campione del mondo di corse con i droni e portando a casa 250.000 dollari di premio. Nel complesso il monte premi del primo gran premio è stato di 1.000.000 di dollari, in modo da ricompensare anche i piloti che si sono classificati alle spalle di Bannister.

Luke Bannister - 15 anni - è il vincitore del primo gran premio di droni al mondo.

Luke Bannister – 15 anni – è il vincitore del primo gran premio di droni al mondo.

Con questo primo evento, le corse con i droni sono diventate un vero evento su scala globale. In questi anni sono molti gli appassionati che hanno dato vita a circoli di piloti e a competizioni su scala regionale e nazionale, ma con l’evento di Dubai il fenomeno delle gare di droni ha fatto un vero salto di qualità . Grazie ai cospicui fondi a disposizione degli emiri è stato creato un circuito spettacolare che ha attirato piloti, squadre, sponsor e pubblico. Per governare i droni, i piloti – seduti in una struttura che ricorda i cabinati delle vecchie sale da gioco – hanno utilizzato un sistema di navigazione basato su una videocamera montata sul drone così da avere una visuale ottimale per seguire il tracciato e superare gli ostacoli posizionati lungo il percorso.

Grazie a questo tipo di eventi il settore di sviluppo dei droni potrebbe godere di una ulteriore accelerazione – se mai gli fosse servita – e portare allo sviluppo di velivoli più performanti e soprattutto con eccezionali capacità  di controllo e manovrabilità  in volo.

Una visuale in notturna del tracciato riservato alle gare di droni a Dubai.

Una visuale in notturna del tracciato riservato alle gare di droni a Dubai.

La mappa del percorso, caratterizzato da un tracciato principale e da alcuni scorciatoie.

La mappa del percorso, caratterizzato da un tracciato principale e da alcuni scorciatoie.

Luke Bannister ha battuto il team Dubai Dronetek – dato come favorito alla vigilia dell’evento – che si è classificato al secondo posto. Il team di Dubai e le altre squadre cercheranno di rifarsi il prossimo ottobre quando alle Hawaii si terrà  la seconda gara mondiale di droni. In quell’occasione il premio per il primo classificato sarà  di 200.000 dollari.

DJI Mini 2

News

DJI finisce nella lista nera degli Stati Uniti

Luca Colantuoni | 21 Dicembre 2020

Droni

Gli Stati Uniti hanno aggiunto DJI nella Entity List perché i suoi droni verrebbero utilizzati per sorvegliare gli uiguri, minoranza etnica della provincia di Xinjiang.

L’amministrazione Trump ha annunciato nuove misure contro aziende cinesi. Il Dipartimento del Commercio ha inserito DJI nella famigerata Entity List, vietando quindi l’esportazione di tecnologie statunitensi che vengono utilizzate dal noto produttore di droni. La stessa sorte è toccata a SMIC, produttore di semiconduttori per vari clienti, tra cui Huawei.

Le accuse nei confronti di DJI non riguardano furti di proprietà intellettuale o rischi per la sicurezza nazionale, ma la violazione dei diritti umani. Il Segretario al Commercio Wilbur Ross ha dichiarato che “la Cina promuove pratiche riprovevoli di lavoro forzato, raccolta di DNA e sorveglianza onnipresente per reprimere i suoi cittadini nello Xinjiang e altrove“. Secondo il governo degli Stati Uniti, il Partito Comunista Cinese avrebbe utilizzato i droni DJI per sorvegliare i campi di detenzione della provincia Xinjiang, in cui vengono portati gli uiguri, una minoranza musulmana che vive nel nord-ovest della Cina.

Questo video, mostrato dalla CNN, sarebbe stato registrato con un drone DJI:

In pratica, l’amministrazione Trump non vuole che le tecnologie statunitensi siano utilizzate per sopprimere le minoranze etniche e religiose. Il produttore cinese ha tuttavia garantito che gli utenti americani possono continuare ad acquistare e usare i suoi droni.

Ovviamente il ban favorirà i diretti concorrenti di DJI. Uno di essi, Skydio, ha rilasciato un comunicato stampa, affermando che “DJI ha tratto profitto per anni sostenendo la repressione degli uiguri nella provincia dello Xinjiang“.

L’aggiunta di SMIC nella Entity List è dovuta invece a motivi di sicurezza nazionale. Le aziende statunitense non possono avere rapporti commerciali con il produttore di chip perché le loro tecnologie verrebbero utilizzate per migliorare le capacità militari della Cina.

DJI Mini 2

News

DJI Mini 2, drone in miniatura per video 4K

Luca Colantuoni | 5 Novembre 2020

Droni

Il nuovo DJI Mini 2 conserva il design compatto del precedente modello, ma offre diverse miglioramenti, tra cui la registrazione video a risoluzione 4K.

Il noto produttore cinese ha annunciato un nuovo drone per utenti non professionisti. Si tratta del DJI Mini 2, successore del Mavic Mini svelato l’anno scorso. Rispetto al precedente modello ci sono quattro miglioramenti principali, tra cui il supporto per la registrazione video a risoluzione 4K.

Il DJI Mini 2 conserva le dimensioni compatte del suo predecessore (quando richiuso misura 140×82×57 millimetri) e ovviamente il peso molto ridotto (solo 249 grammi), per cui può essere appoggiato sul palmo della mano. Il sistema di propulsione è stato aggiornato per raggiungere una maggiore velocità (57,6 Km/h) e una maggiore resistenza al vento (livello 5) rispetto al Mavic Mini (46,8 Km/h e livello 4).

La fotocamera del nuovo drone ha un sensore da 12 megapixel e supporta la registrazione video [email protected], oltre allo zoom digitale 4x (full HD) e ai formati JPEG e RAW. Tra le funzionalità avanzate per i video spiccano le cinque modalità QuickShots (dronie, spirale, ascesa, cerchio e boomerang) e Panorama (grandangolo, 180 gradi e sferico).

Invece della connessione WiFi (poco stabile) del Mavic Mini è presente la tecnologia OcuSync 2.0 che incrementa il range di trasmissione da 4 a 10 Km (se che l’utente riesca a vedere il piccolo drone a questa distanza). Il radiocomando è rimasto lo stesso del vecchio modello.

L’autonomia della batteria da 2.250 mAh raggiunge i 31 minuti. L’app DJI Fly permette di accedere ad altre funzioni smart, come ritorno a casa, decollo automatico e volo stazionario. È possibile anche QuickTransfer (sincronizzazione rapida di foto e video) e varie opzioni di editing.

Il DJI Mini 2 può essere acquistato sul sito del produttore ad un prezzo di 459,00 euro. Il bundle Combo Fly More da 599,00 euro include due batterie supplementari, tre eliche di ricambio, il caricabatteria USB da 18 Watt e la borsa da spalla.

Amazon

Tech

Amazon Prime Air, le consegne via droni sempre più vicine

Alfonso Maruccia | 2 Settembre 2020

Amazon Droni E-commerce

La FAA statunitense ha approvato il trasporto di piccoli carichi tramite droni Amazon. Il servizio Prime Air per le consegne entro 60 minuti sarà presto realtà?

Amazon promette da anni la concretizzazione del sogno di Prime Air, servizio di consegne a domicilio gestito tramite una flotta di droni in grado di portare il pacco a destinazioni entro 60 minuti (o meno) dall’ordine. L’ambizioso obiettivo si fa ora più vicino grazie a una nuova licenza concessa dalla Federal Aviation Administration (FAA).

L’agenzia federale USA ha infatti approvato e concesso un certificato Part 135 per Prime Air, permettendo in sostanza ad Amazon di trasportare beni di piccole dimensioni oltre la linea visiva dell’operatore. L’ultimo design dei droni Prime Air svelato da Amazon prevede una capacità di trasporto di 2,2 kg, entro una distanza massima di circa 19 km dal magazzino Amazon più vicino.

David Carbon, vice presidente di Prime Air, ha accolto la certificazione di FAA parlando di “un importante passo avanti” per il progetto e la conferma dell’affidabilità dei droni Amazon. La tecnologia continuerà a migliorare, dice Carbon, finché il colosso dell’e-commerce non sarà in grado di integrare pienamente le consegne via droni nel traffico aereo e nelle relative regolamentazioni. Negli USA come in altre parti del mondo.

La consegna di pacchi per via aerea è in effetti un obiettivo a cui lavorano in molti, e Amazon non è certo la prima corporation ad aver ottenuto una certificazione da FAA in tal senso. Prima del colosso di Jeff Bezos sono arrivati UPS e Wing (ennesima sussidiaria di Alphabet/Google) nel 2019.

Aggiungi alla collezione

No Collections

Here you'll find all collections you've created before.