Wiko Wim

Wiko punta alla fascia media e presenta Wim e Wim Lite

Il 2016 è stato un anno importante per Wiko. L’azienda francese ha raggiunto in Italia il quarto posto nelle vendite di smartphone, con un raddoppio dei prodotti venduti rispetto al 2015, e possiede ora il 7% di questo mercato. Nel giro di un triennio è riuscita a vendere 2,5 milioni di smartphone solo in Italia, a fronte dei 25 milioni di pezzi consegnati da quando è nata nel 2011.

Wiko è particolarmente forte nella fascia entry-level, dove globalmente uno smartphone su 5 sotto i 150 euro è venduto dall’azienda di Marsiglia, presente ora in 30 Paesi. Proprio in questa fascia di mercato si realizzano i volumi più grandi ed è proprio su questo che Wiko ha puntato per crescere.
Per differenziare l’offerta e presentarsi anche su altre fasce di mercato, è stato annunciato in Italia il modello Wim, che con un prezzo al pubblico di 399 euro si posiziona direttamente in quella media, ricca di concorrenti agguerriti.
Arriva anche il Wim Lite, con un prezzo di 199 euro e caratteristiche tecniche leggermente inferiori.

Wiko Wim

 

Il Wiko Wim si presenta con un display da 5,5 pollici con la pregiata tecnologia Amoled e una risoluzione Full Hd. Ha un veloce e recente processore Qualcomm Snapdragon 626, octa core da 2,2 GHz, con 4 Gbyte di memoria Ram e 64 GB di storage interno (espandibili a 128 GB tramite micro Sd). Il processore Qualcomm integra un modem Lte Cat 6.

Wiko Wim

Uno degli aspetti più curati del Wim è la doppia fotocamera. Ci sono due sensori Sony IMX258 ognuno con il proprio obiettivo F/2.0: uno è di tipo monocromatico e l’altro è a colori. Combinando le informazioni si riescono a ottenere immagini più dettagliate e luminose, sfruttando la tecnologia Qualcomm Clear Sight e il Dsp (Digital Signal Processor) Spectra, anche questo integrato nel processore Snapdragon.
Questa dual camera lavora un po’ come l’occhio umano, acquisendo separatamente le informazioni sui colori (tramite i coni) e quelle dell’immagine vera e propria (tramite i bastoncelli) anche in condizioni di luce più difficili.

La batteria da 3.200 mAh ha la tecnologia Qualcomm Quick Charge 3.0 che consente il 60% di carica in 30 minuti. Immancabile il sensore di impronte digitali, così come la rete Wi-Fi 802.11ac, Nfc e Bluetooth.
La porta di connessione stranamente è nel “vecchio” formato Micro Usb e non Usb type C. Il Wim sarà  disponibile da luglio nei tre colori Black, Gold e Deep Bleen.

Wiko Wim

Il Wiko Wim Lite da 199 invece ha un più piccolo display da 5″ in tecnologia Ips e risoluzione Full Hd, un processore Qualcomm Snapdragon 435 (octa core da 1,4 GHz) con 3 GB di Ram e 32 GB di storage interno. La capacità  della batteria scende a 3.000 mAh e la fotocamera primaria ha un singolo sensore da 13 Mpixel.

PCProfessionale © riproduzione riservata.