Windows Phone 7.5


Abbiamo provato l’aggiornamento di Windows Phone, nome in codice Mango e il parere è decisamente positivo. Dopo diverse release, Microsoft è riuscita a creare un’esperienza utente piacevole, fluida e funzionale come abbiamo imparato a pretendere dai nostri amati terminali tascabili.
Le novità  sono numerose, a cominciare da una visione delle conversazioni in thread che unificano messaggi scambiati su diversi mezzi di comunicazione, per esempio Sms e chat Facebook o Messenger.
Gli utenti possono essere uniti in gruppi. Si possono leggere gli aggiornamenti su Facebook dei contatti che fanno parte di un gruppo e si può mandare un messaggio di testo a tutti i membri del gruppo. I gruppi possono essere il modo più semplice di filtrare il flusso di notizie da Facebook per estrarre per esempio, amici stretti e parenti.
Una mailbox unificata può contenere tutti i messaggi in arrivo su tutti gli account di posta definiti, per esempio unificando una casella Google con una Yahoo.

Tenendo schiacciato il tasto back si può visualizzare lo schermo delle applicazioni in esecuzione e passare facilmente da una all’altra, questo aiuta anche a rendersi conto di quali applicazioni sono in esecuzione, anche se non occorre preoccuparsi di liberare memoria o dell’uso di Cpu, dato che il sistema operativo non dà  comunque tempo di Cpu ai processi in background che non siano servizi di sistema e scarica dalla memoria le applicazioni quando serve.
Explorer è stato aggiornato alla versione 9 certamente più veloce e compatibile con gli standard della precedente, anche se non mancano le critiche.
L’integrazione dei servizi esterni con il sistema è notevole e dà  una funzionalità  elevata al sistema base, che integra ecumenicamente le mailbox sui principali server, gli account Twitter e Facebook nell’interfaccia utente, dando nelle piastrelle informative le notifiche richieste. Windows Phone integra i servizi esterni in modo tutto sommato piacevole e utile e limita quindi la necessità  di app specifiche senza chiudere l’utente in una visione del mondo digitale preconfezionata.
Fra le piccole novità  segnaliamo che una pressione lunga in un campo di testo fa apparire un cursore posizionabile che aiuta parecchio nell’editing, mentre un tap permette di selezionare e copiare del testo.
Ci sono più di cinquecento novità  nel sistema, secondo Microsoft, quindi rimandiamo alle pagine di Microsoft e ai filmati introduttivi per saperne di più.
Fra tutte le novità , un cambiamento poco gradito è la comparsa di un pulsante di ricerca nelle toolbar delle applicazioni per le ricerche specifiche, mentre il pulsante di ricerca globale avvia sempre la ricerca sul web. Il sistema precedente non ci dispiaceva.
Quello che possiamo concludere dopo qualche giorno di uso è che l’aggiornamento merita di essere installato. Le prossime uscite di Nokia con Windows Phone saranno da tenere d’occhio e, probabilmente, cambieranno radicalmente la quota di mercato di un sistema operativo che è oramai maturo e piacevole da usare.

Nessun Articolo da visualizzare