Xerox ColorQube 8580DN, inchiostro solido, per stampe perfette

Testi precisi, colori brillanti, buone prestazioni e costi accessibili, per gli uffici che rispettano l’ambiente.

Presentata nell’ultimo trimestre dello scorso anno, la ColorQube 8580 è un’unità  di stampa dedicata alle piccole e medie imprese che richiedono un’alta resa qualitativa in bianco/nero e a colori, pur rimanendo entro budget limitati. Disponibile in due versioni differenziate unicamente dalla presenza del duplex (opzionale nella 8580N e di serie in quella DN), questa ColorQube sostituisce il modello 8570 e rappresenta la nuova entry level della linea di prodotti basati sulla tecnologia solid ink proprietaria di Xerox, acquisita da Tektronic agli inizi del 2000. Si tratta di un sistema ormai ampiamente consolidato e affinato nel corso degli anni, che può essere inteso come una sorta di ibrido tra le tecnologie di stampa inkjet a inchiostri liquidi e quelle laser basate sull’impiego di toner.

Gli stick di inchiostro solido, unici consumabili da sostituire, sono numerati e sagomati per evitare errori di inserimento, non sporcano e possono essere aggiunti nell'apposito cestello anche durante la stampa. Facili da sostituire, generano pochissimo materiale di scarto non tossico e smaltibile come rifiuto comune.
Gli stick di inchiostro solido, unici consumabili da sostituire, sono numerati e sagomati per evitare errori di inserimento, non sporcano e possono essere aggiunti nell’apposito cestello anche durante la stampa. Facili da sostituire, generano pochissimo materiale di scarto non tossico e smaltibile come rifiuto comune.

In estrema sintesi, al posto delle consuete cartucce o taniche di inchiostri le ColorQube utilizzano degli stick di inchiostri solidi a base di resina pigmentata – sostanzialmente simili a dei pastelli – che durante il processo di stampa vengono fusi e veicolati attraverso le testine su un tamburo cilindrico di trasferimento che imprime l’immagine sul supporto cartaceo. Il contatto con il substrato provoca l’immediato raffreddamento e la solidificazione dell’inchiostro, prevenendo così fenomeni di strisciature o sbavature. La tecnologia solid ink presenta alcuni indiscutibili benefici sia sul piano prestazionale sia a livello generale, poiché riesce a coniugare efficacemente i pregi dell’inkjet con il laser, minimizzando gli aspetti negativi di entrambi i sistemi.

L’impatto ambientale, dell’inchiostro solido, è minimo. Grazie alla totale assenza di rifiuti tossici da smaltire, gli stick vengono pressoché interamente consumati durante la stampa, lasciando un minimo residuo, eliminabile come rifiuto comune. Inoltre gli inchiostri, costituiti da blocchetti di ridotte dimensioni – ma in grado di assicurare un’elevata autonomia di stampa – hanno un minor impatto ambientale consentendo di ridurre l’imballo fino al 90 %, a beneficio dell’intera catena distributiva e di stoccaggio. Sul piano tecnico, la ColorQube 8580DN si caratterizza per il motore in grado di raggiungere il picco delle 51 ppm in modalità  Colore veloce (che scendono a 30 ppm in modalità  standard), con un output fino a 2.400 dpi, risoluzione massima ottenuta attraverso l’algoritmo d’interpolazione proprietario Xerox FinePoint. Il ciclo di funzionamento massimo può raggiungere 85.000 pagine mensili non continuative, mentre il volume di stampa medio mensile consigliato è compreso tra le 1.000 e le 8.000 copie. Per massimizzare la produttività  è possibile espandere la sezione di alimentazione della carta, aumentando la capienza standard di 625 fogli (525 nel cassetto più 100 nel vassoio multiformato) mediante l’aggiunta di vassoi opzionali – fino a un massimo di tre – per un volume complessivo pari a 2.200 fogli.

Il driver di stampa della ColorQube è ricco di opzioni, sia per l'impostazione del layout di pagina sia per la taratura dei colori, effettuabile anche sfruttando l'esclusiva funzione Color by Word.
Il driver di stampa della ColorQube è ricco di opzioni, sia per l’impostazione del layout di pagina sia per la taratura dei colori, effettuabile anche sfruttando l’esclusiva funzione Color by Word.

La dotazione di serie comprende inoltre il duplex, le porte di comunicazione Usb 2.0 e Fast Ethernet e un pannello di controllo con display Lcd, di dimensioni ridotte ma comunque sufficiente per amministrare funzioni e opzioni principali. Per incrementare la versatilità  della stampante sono disponibili dei kit di produttività  opzionali (memoria Ram e disco Ssd) che aggiungono o potenziano funzioni quali, per esempio, la fascicolazione dei lavori, la stampa protetta e l’archiviazione di font e moduli.

➜ Continua a leggere: Xerox ColorQube 8580DN in prova

1
2

Nessun Articolo da visualizzare