L’app Adobe Scan

Scansione dei documenti con uno strumento creato da Adobe

0
9635

Le App dedicate alla scansione dei documenti non sono ormai una novità: grazie alla qualità sempre crescente delle fotocamere degli smartphone, e alla potenza di calcolo ormai più che sufficiente, questi software sono in grado di trasformare una semplice fotografia di un documento, di un foglio o della pagina di un libro o una rivista in una scansione quasi perfetta, ben leggibile e addirittura ricercabile e modificabile nei contenuti. Le prime App di questo tipo erano disponibili solo a pagamento, ma alcune grandi software house hanno rivoluzionato il mercato con prodotti gratuiti di alta qualità, spesso pensati per essere abbinati ai loro servizi principali: è il caso di Scannable, realizzata da Evernote e ottimizzata per salvare i documenti acquisiti nell’archivio di note online, oppure di Office Lens di Microsoft, integrata alla perfezione con le altre applicazioni e servizi della famiglia Office.

Sia pure con ritardo, anche Adobe ha deciso di proporre la sua App di scansione; il risultato è Scan, un’App per iOS e Android che si colloca al vertice della sua categoria, anche se alcuni piccoli difetti le impediscono di raggiungere la perfezione. Scan è stata pensata per integrarsi con le altre applicazioni e servizi della famiglia Document Cloud, ma non richiede una sottoscrizione a pagamento. È invece necessario creare un account Adobe, anche se non si vogliono sfruttare le funzioni basate sul cloud: un difetto piccolo ma fastidioso, perché non tutte le funzioni disponibili giustificano la richiesta delle credenziali di autenticazione.

Dal punto di vista tecnico, le funzioni di cattura sono affidabili e semplici da utilizzare: all’avvio l’App è subito pronta a catturare nuovi documenti, e l’acquisizione viene completata automaticamente (non serve quindi “scattare” la fotografia) appena il software riesce a individuare i bordi e la struttura del documento. Le miniature dei fogli catturati vengono

posizionate in una pila lungo la barra inferiore, e possono essere raggiunte con un semplice tap sull’immagine. Le funzioni di manipolazione disponibili sono quelle più basilari, ma nell’uso quotidiano è difficile che serva altro: ritaglio, rotazione, modifica dell’ordine dei fogli e ottimizzazione dei colori. La magia avviene in remoto, quando si completa l’acquisizione e si salva il documento nel cloud (naturalmente in formato Pdf): i file, infatti, vengono analizzati con un motore di riconoscimento ottico dei caratteri e possono poi essere aperti con altre App Adobe (per esempio Acrobat Reader) per sfruttarne le funzioni di ricerca, selezione ed evidenziazione. Sempre tra- mite Acrobat si possono anche convertire i documenti Pdf in altri formati, come per esempio il tradizionale Doc di Word, ma serve una sottoscrizione a pagamento a Document Cloud.

Nel complesso Adobe Scan svolge il suo compito in modo intuitivo ed efficace, e si integra bene nell’ecosistema dei servizi e prodotti di Adobe; chi invece preferisce utilizzare altre App per il trattamento dei documenti potrebbe trovare le funzioni integrate un po’ troppo limitate.

Clicca sull’immagine per vedere l’app sull’App Store di Apple
Clicca sull’immagine per vedere l’app sul Play Store di Google.
PCProfessionale © riproduzione riservata.