Test: il Kindle Fire diventa Full Hd

Più comodo, più veloce e con un display ad alta risoluzione, con un occhio di riguardo al prezzo e con tutti i servizi Amazon a portata di clic.

Sono passati sei mesi dall’arrivo in Italia del primo Kindle Fire, il tablet Android prodotto e distribuito da Amazon. L’offerta viene ora completata con il Kindle Fire HD 8,9″, disponibile da marzo e caratterizzato come sempre da un prezzo particolarmente aggressivo. Manca una versione 3G, disponibile invece negli Stati Uniti.
Il nuovo modello si differenzia dal Kindle Fire HD 7″ soprattutto per il display e per il processore più veloce, oltre che naturalmente per le dimensioni. Cresce l’ingombro ma lo spessore diminuisce leggermente, passando da 1 a 0,9 centimetri.

Kindle-Fire-HD

Iniziamo dal display, certamente la ragion d’essere principale di questo modello. Ha una diagonale di 8,9″ e una risoluzione di 1.920 x 1.200 pixel (Wuxga), dunque con rapporto d’aspetto di 16:10. Rispetto al ben più costoso iPad con schermo Retina 4:3 ha una forma leggermente più allungata; il rapporto di 16:10 è un compromesso che permette sia di vedere bene i filmati Full Hd a 1080p sia di leggere agevolmente i quotidiani in formato tabloid, i fumetti e le varie pubblicazioni, che vengono visualizzate con il bordo nero ai lati di dimensioni più ridotte rispetto a uno schermo 16:9. A tale proposito, come avevamo già  notato sul Kindle Fire HD, anche qui troviamo una spessa cornice intorno al display, il cui impatto estetico non è proprio il massimo.

Questo display ha una resa molto alta: è costruito in tecnologia Ips (In-Plane Switching) e presenta dei neri profondi, colori vivi, una buona luminosità  e ampi angoli di visione, sia in orizzontale sia in verticale. La densità  dei pixel è di 254 pixel per pollice, non troppo distante dai 264 dell’iPad Retina. Ricordiamo che il tablet di Apple ha una risoluzione di 2.048 x 1.536 pixel ma ha anche uno schermo più grande, con diagonale di 9,7 pollici.ICON_LABORATORIO
All’atto pratico, mettendo a fianco i due tablet Amazon si nota benissimo la differenza: la maggiore definizione del Kindle Fire HD 8,9″ è immediatamente evidente, nei film come nelle riviste in formato elettronico. Questo tablet dà  il meglio di sé proprio con le pubblicazioni a colori, che vengono visualizzate in modo spettacolare. Ottima la leggibilità  del testo, anche con i font di dimensione particolarmente ridotta. La temperatura colore sembra più fredda rispetto a quella del Kindle Fire HD, ma nel complesso le tinte vengono rese in maniera realistica. Il trattamento antiriflesso pubblicizzato da Amazon in realtà  migliora poco la leggibilità  sotto le fonti di luce dirette; utilizzare il tablet all’aperto nelle giornate di sole resta sempre problematico, su questo e su tutti gli altri prodotti della concorrenza.

➤ Le caratteristiche tecniche: Kindle Fire HD 8,9″

La piattaforma hardware è basata ora sul processore Texas Instruments Omap4 4470, dotato di Cpu dual core da 1,5 GHz e Gpu PowerVR SGX544. Un deciso passo in avanti rispetto al fratello da 7 pollici, che utilizza un chipset sempre di produzione TI ma con frequenza di 1,2 GHz. Con i benchmark che siamo riusciti a effettuare il miglioramento nelle prestazioni è evidente, sia per quanto riguarda la pura potenza di calcolo della Cpu sia per quanto riguarda la grafica 3D. Se paragonate a quelle dei più recenti tablet Android con processore quad core, le prestazioni appaiono logicamente inferiori; c’è da considerare anche che l’interfaccia proprietaria rappresenta uno strato software in più da gestire e può influire sui risultati dei test. Non si tratta di un campione di velocità  insomma, ma ciò che conta è che l’esperienza d’uso quotidiana è sempre fluida e senza incertezze.
Anche su questo nuovo modello troviamo due aspetti caratteristici tipici dei Kindle Fire: una resa audio decisamente superiore alla media, grazie ai due altoparlanti stereofonici di buona qualità  e al loro corretto posizionamento, e l’interfaccia Wi-Fi dual band/dual radio, compatibile anche con le reti a 5 GHz e con un aggancio del segnale stabile anche se ci si allontana dal router.

Tra le mancanze ci sono da segnalare la fotocamera posteriore, il ricevitore Gps e, ancora una volta, l’alimentatore Usb. In dotazione viene fornito il solo cavetto; per caricare la batteria va collegato al Pc o a un qualsiasi alimentatore Usb universale. Sconsigliamo la prima opzione perché la ricarica completa avviene in 15 ore circa, un tempo inaccettabilmente lungo. Amazon giustifica la mancanza del caricabatteria con la volontà  di contenere il prezzo quanto più possibile e col fatto che la maggior parte degli utenti ha già  un alimentatore Usb in possesso. Una scelta che non ci trova d’accordo, specie nel momento in cui Amazon vende il caricabatteria originale al poco giustificabile prezzo di 19,90 euro.

➤ Le prestazioni rilevate: Kindle Fire HD 8,9″

Con l’acquisto di un tablet Kindle Fire si sposa tutto l’ecosistema Amazon, che diventa il canale principale per la fruizione dei contenuti, siano essi libri, film, applicazioni, giochi e quant’altro. Non c’è lo store di riferimento per Android, vale a dire Google Play. Su quello Amazon c’è una selezione di app, ma non certo le centinaia di migliaia disponibili su Google Play. C’è da dire comunque che quelle indispensabili sono già  presintallate e la scelta è abbastanza ricca. Inoltre, è possibile installare a mano le app formato.apk copiandole nella memoria interna e utilizzando quindi un file manager.
Altro particolare che va segnalato è la presenza dei suggerimenti per gli acquisti nella lock screen e in una barra che compare automaticamente nella parte bassa della home page. Non sono troppo fastidiosi; con un sovrapprezzo di 15 euro è possibile eliminarli, ma non ci sembra una spesa indispensabile.

Kindle Fire HD pro controUltima, ma non meno importante, è l’interfaccia utente proprietaria; è del tutto analoga a quella degli altri tablet Kindle. Gradevole, veloce e completa, è probabilmente la più semplice da usare che abbiamo mai visto su un tablet. È particolarmente adatta a chi è totalmente digiuno di informatica. Gli ultimi elementi utilizzati, app o dati che siano, appaiono automaticamente sulla home page, in una modalità  a scorrimento che ricorda la cover flow di iTunes. Il menu principale è sempre visibile nella parte superiore e permette di accedere a giochi, applicazioni, libri, musica, video, browser Web, documenti, allo store Amazon e alle offerte speciali. Il browser Web preinstallato è Silk, che ha dimostrato una buona velocità  nell’apertura delle pagine grazie anche al sistema di cache remoto gestito su cloud. In ogni caso, almeno per ora, non ci sono browser alternativi sullo store Amazon.
Per quanto riguarda l’autonomia, con rete Wi-Fi sempre accesa e navigando sul Web o leggendo libri abbiamo riscontrato 9 ore di funzionamento, valore non lontano dalle 10 ore dichiarate da Amazon.
Pasquale Bruno

PCProfessionale © riproduzione riservata.