Test: ScanSnap SV600, scansioni senza contatto

Compatto, veloce e semplice da usare, il nuovo Fujitsu allarga gli orizzonti della digitalizzazione documentale in ufficio offrendo una versatilità  senza precedenti grazie al sistema di cattura a testa mobile.

Gli scanner desktop della linea ScanSnap di Fujitsu rappresentano una soluzione professionale versatile ed economicamente competitiva per la scansione di documenti e immagini in ufficio. Il sistema a rullo di trascinamento normalmente impiegato, ancorché veloce ed efficiente, risulta talvolta inadatto ad alcuni compiti, quali l’acquisizione di originali particolarmente sottili o delicati oppure, all’opposto, di volumi rilegati o comunque di originali di un certo spessore. C’è un’ottima soluzione targata Fujitsu anche per questi casi: è il nuovo ScanSnap SV600, un dispositivo di cattura in grado di eseguire scansioni senza richiedere alcun contatto fisico con l’originale.

Fujitu ScanSnap SV600
Fujitu ScanSnap SV600

L’SV600 si distingue per il design a sviluppo verticale, caratterizzato dagli elementi di ripresa concentrati alla sommità  dell’apparecchio e dai comandi sul basamento. L’unità  è perfettamente bilanciata e ha un peso più che sufficiente a garantirne la stabilità , ma per ulteriore sicurezza è possibile installare due guide laterali fornite in dotazione che, incollandosi al piano d’appoggio, impediscono il ribaltamento senza tuttavia ostacolare la rimozione veloce della periferica dalla scrivania. La testa dello scanner incorpora gli elementi d’illuminazione e cattura delle immagini, ai quali si aggiunge un sensore infrarosso per il rilevamento automatico del cambio pagina che consente di eseguire scansioni in serie senza dover attivare ogni volta i comandi dell’unità  o sul Pc. L’aspetto peculiare del nuovo scanner è costituito dall’impiego della tecnologia VI (Versatile Imaging), un insieme di soluzioni tecniche realizzate per ottimizzare la scansione senza richiedere alcun contatto con l’originale. Le componenti di spicco includono le lenti autofocus a elevata profondità  di campo, tarate per catturare un’ampia superficie di scansione (fino al formato A3), due lampade Led ai lati del sensore che rischiarano il piano di lavoro assicurando luminosità  uniforme e costante e riducendo gli effetti negativi della luce ambiente. La testa che ospita l’intero complesso di scansione così costituito è basculante e durante l’acquisizione effettua una rotazione automatica sull’asse verticale in modo da consentire al sensore Ccd di acquisire immagini perfettamente a fuoco – tanto al centro quanto ai bordi – e prive di distorsioni grazie all’angolo ottimale di ripresa. Il tutto avviene con la massima efficienza, in un tempo di circa tre secondi con qualsiasi genere e formato di documento.

fujitu scan snap SV600_1

Il setup dell’unità  è più lungo da descrivere che da attuare, poiché richiede solo il tempo necessario per estrarre lo scanner dalla confezione e collocarlo sulla scrivania, svolgere il tappetino nero fornito in dotazione posizionandolo a filo del basamento, installare il software e collegare il cavo Usb quando richiesto. L’uso del tappetino è raccomandato, ma non indispensabile. Nella maggior parte dei casi facilita il posizionamento e l’allineamento dei documenti, il rilevamento dei bordi per la funzione di ritaglio automatico e previene riflessi generati dalla luce ambiente sul piano d’appoggio.
I nostri test sono stati condotti nelle condizioni consigliate dal produttore, tranne in alcuni sporadici casi (per esempio, con originali dai bordi neri) nei quali abbiamo rimosso l’accessorio per ottenere risultati migliori.

> Continua a leggere: il test dello scanner Fujitsu ScanSnap SV600

PCProfessionale © riproduzione riservata.