Killzone 3

Da Sony e Guerrilla Games arriva una nuova Killer Application per PlayStation 3.
Halo contro Killzone: è questa in sintesi la sfida combattutta tra Xbox 360 e Playstation 3 sul versante degli sparatutto in prima persona. Una sfida che si rinnova puntualmente con l’uscita di un nuovo episodio e che ha il pregio di confermarsi ogni volta ad altissimi livelli sia dal punto di vista del gameplay, sia da quello della realizzazione tecnica.
Killzone 3si ricollega narrativamente ha quanto già  visto nel precedente capitolo grazie ad un lungo flashback che riporta il giocatore sul pianeta Helghan, pronto ancora una volta a combattere contro gli alieni umanoidi Helghast.
La storia, di per sé non eccessivamente originale, è comunque arricchita da sfumature e particolari che rendono il contesto ancora più coinvolgente, facendo da trampolino per gli scontri a fuoco che rappresentano il cuore pulsante del gioco.
Il gameplay, infatti, è quello frenetico ed adrenalico cui la serie ci ha abituato, con tanto di jet pack o esoscheletri potenziati a propria disposizione. L’arsenale è come al solito ricco e vario, con un ventaglio di armi in grado di soddisfare anche il palato più esigente. Il tutto tenendo sempre bene presente l’apporto dei compagni che diventa fondamentale in più di un frangente. Da ciò si capisce come il gioco sia espressamente votato al multiplayer che si distingue per una buona serie di modalità  competitive tra cui spiccano il classico Deatmatch (fino a un massimo di 24 giocatori) e, soprattutto, l’opzione Zona di Guerra dove due squadre si affrontano in una serie di partite con obbiettivi via via predeterminati fino al raggiungimento del punteggio stabilito.
I giocatori, inoltre, avranno la facoltà  di scegliere una delle cinque classi disponibili (Geniere, Cecchino, Tattico, Spia e Medico da Campo) per poi svilupparle ad ogni avanzamento di livello.
Sul versante della giocabilità  dobbiamo poi segnalare la possibilità  di usare come controller il Playstation Move che, grazie ad apposite periferiche già  in commercio, può essere tramutato in una sorta di mitra: una scelta che contribuisce ulteriormente ad immedesimare il giocatore nell’azione su schermo. La modalità  cooperativa, invece, oltre ad essere disponibile solo tramite split-screen, non contempla l’utilizzo del Move.
Da sottolineare, inoltre, la bellezza dell’impianto grafico che fa di Killzone uno dei giochi graficamente meglio realizzati su Playstation 3. Il livello di dettaglio è eccellente e le ambientazioni si distinguono per bellezza e stile. Il gioco, in aggiunta, supporta anche il 3D su televisori dedicati.

Nessun Articolo da visualizzare