Pirateria: la soluzione è l’educazione alla legalità 

Tavola rotonda sul fenomeno della pirateria e sul mondo dell’informazione. Presenti autorità , esperti e autori. Roma, 14 marzo ore 11.00.
L’Osservatorio Permanente sulla Pirateria di AIOMI (Associazione Italiana Opere Multimediali Interattive) ha annunciato che, all’interno della mostra gamezero 5885: le origini del videogioco, il giorno 14 marzo alle ore 11.00 presso “La Pelanda Sala delle Vasche”, P.zza Orazio Giustiniani 4, Roma, si terrà  una tavola rotonda dal titolo: “Pirateria: l’informazione e l’educazione alla legalità  come soluzione”. La manifestazione è realizzata con il sostegno di Roma Capitale – Assessorato alle Politiche Culturali e Centro Storico.

L’incontro, prendendo le mosse  dei recenti eventi di rilevanza mondiale e del susseguirsi di vicende politiche e giuridiche sviluppatesi attorno al mondo del web e della pirateria, con la recente maxi-operazione per la chiusura di MegaUpload e altri siti simili, affronterà  il delicato tema del rapporto tra diritto d’autore, pirateria, informazione ed educazione alla legalità .

Interverranno l’On. Giovanni Fava, Presidente della Commissione Parlamentare di Inchiesta sui Fenomeni della Contraffazione e della Pirateria in Campo Commerciale; l’Avv. Michele Lo Foco, Consigliere d’Amministrazione della Fondazione Cinema per Roma; il Dott. Giulio Meduri, Responsabile Generale dell’Osservatorio Permanente sulla Pirateria, specializzato in materia di diritto d’autore in ambito nazionale e internazionale che illustrerà  un inedito punto di vista sulla pirateria. La tavola rotonda sarà  moderata da Marco Accordi Rickards, Executive Director & Founder di AIOMI.

Presenzieranno alla conferenza anche alcuni rappresentanti della categoria degli autori, tra cui lo scrittore, sceneggiatore e regista Federico Moccia, Alessandro Greco e Beatrice Bocci.

La tavola rotonda si terrà  all’interno della mostra gamezero 5885: le origini del videogioco, che ripercorre la storia del gaming, dal primo esperimento del 1958 fino ad arrivare al 1985, raccontandone in modo unico e originale l’evoluzione.

Nessun Articolo da visualizzare