Coronavirus di Wuhan

Bing COVID Tracker, la mappa di Microsoft per monitorare l’infezione da COVID-19

Anche Microsoft ha il suo tracker per il monitoraggio della pandemia da COVID-19: Bing COVID Tracker offre una mappa globale ma anche l’accesso alle ultime news sull’argomento organizzate per singolo paese.

Per soddisfare adeguatamente le necessità di informazione degli utenti in merito alla pandemia globale scatenata dal coronavirus Sars-CoV-2, un gran numero di società e istituzioni si è attivato realizzando strumenti ad hoc. Della mappa sull’infezione globale resa pubblica dalla Johns Hopkins University abbiamo già parlato, oggi invece segnaliamo un altro sistema di tracciamento a opera di Microsoft.

Bing COVID Tracker, questo il nome auto esplicativo del servizio messo online da Redmond, è all’apparenza molto simile alla succitata mappa realizzata dall’università statunitense: sulla sinistra è presente una bacheca con il numero dei casi di infezione totali, i casi attivi, i guariti e i “casi letali”, mentre è possibile selezionare un singolo paese (o uno stato locale per gli USA) per analizzarne le condizioni individuali.

Bing COVID Tracker - 1

La mappa centrale si può ingrandire o zoomare a piacimento, osservando più da vicino le singole nazioni. Facendo clic su un paese (o selezionando la voce corrispondente dalla dashboard sulla sinistra) si sposta il focus della mappa su quel paese con dati aggiuntivi, le ultime notizie e i video sulla situazione locale dell’epidemia da COVID-19.

Bing COVID Tracker - 2

Un semplice raffronto numerico tra la mappa della Johns Hopkins University e Bing COVID Tracker in un dato momento può evidenziare delle discrepanze tra le informazioni fornite dai due servizi, segno del fatto che le fonti dei dati sono diverse (CDC, WHO, ECDC, Wikipedia per Bing, NHC e DXY in aggiunta ai precedenti per la mappa della JHU) oppure i dati stessi vengono processati secondo metodi e tempi differenti.

Sia come sia, Bing COVID Tracker rappresenta un’interessante opzione aggiuntiva per seguire l’evoluzione della pandemia scatenata dal nuovo coronavirus “cinese”, uno strumento particolarmente utile soprattutto nei periodici momenti di downtime della mappa della JHU dove al posto degli ultimi dati vengono visualizzati alcuni messaggi di errore.

PCProfessionale © riproduzione riservata.