come partizione una chiavetta USB o una scheda SD

Come partizionare una chiavetta Usb o una scheda SD

Con l’introduzione dell’Anniversary Update, anche Windows 10 ha acquisito la capacità di creare e manipolare più partizioni sulle memorie di massa Usb, come pendrive e schede Sd. Vediamo come fare.

La creazione di partizioni è rimasta per molti anni un’operazione effettuabile solo sugli hard disk: le chiavette Usb e le schede di memoria, invece, potevano ospitare una sola unità. O, per lo meno, questo era ciò che accadeva in ambiente Windows; altri sistemi operativi (per esempio Linux), invece, sono in grado di gestire partizioni multiple anche sulle memorie di massa esterne.

Le partizioni multiple sono utilizzate, per esempio, dai computer single board come Raspberry Pi, che sfruttano una singola scheda microSd come memoria di massa: la procedura di installazione del sistema operativo crea più partizioni per sfruttare al meglio lo spazio disponibile.

Questo rendeva la gestione di queste unità sotto Windows davvero complicata: per ripristinare una scheda formattata con più partizioni era necessario accedervi da un altro sistema operativo, oppure utilizzare (con alterne fortune) utility di ripristino specializzate. Ma con l’introduzione dell’Anniversary Update, anche Windows 10 ha acquisito la capacità di creare e manipolare più partizioni sulle memorie di massa Usb. Scopriamo come procedere.

1. Come partizionare una chiavetta Usb o una scheda SD – 1

Come partizionare una chiavetta Usb o una scheda SD - 1

Lo strumento deputato alla gestione delle partizioni è sempre il solito: si chiama Gestione Disco ed è presente nel sistema operativo Microsoft da sempre. Per richiamarlo basta digitare il suo nome nella casella di ricerca di Windows e poi selezionare la voce Crea e formatta le partizioni del disco rigido; curiosamente, infatti, il risultato della ricerca non mostra il nome esatto dello strumento software. La finestra principale di Gestione disco è divisa in due parti: quella superiore elenca tutti i volumi presenti nel sistema, mentre quella inferiore mostra la composizione delle relative unità fisiche (gli hard disk e le altre memorie di massa). Gestione disco lavora a livello di block device, quindi non vede esattamente i dispositivi fisici: eventuali unità create dalla funzione Spazi di archiviazione, per esempio, saranno mostrate come dischi singoli, anche se in realtà sono composti da più unità fisiche.

2. Come partizionare una chiavetta Usb o una scheda SD – 2

Come partizionare una chiavetta Usb o una scheda SD - 2

Per modificare la tabella delle partizioni, collegate la chiavetta Usb oppure la scheda di memoria e aggiornate l’elenco delle periferiche con il comando Azione/Aggiorna. La procedura non dovrebbe essere distruttiva (a meno che non sia necessario riformattare l’unità), ma è comunque consigliabile salvare eventuali dati memorizzati e partire con una memoria vuota. Individuate il volume relativo alla memoria di massa nell’elenco superiore, selezionatelo e fate clic destro per richiamare il menu contestuale. La condizione perché si possano creare più partizioni, infatti, è che la memoria sia formattata con il file system Ntfs: se invece il disco contiene una partizione Fat basta fare clic destro sull’unità, selezionare Formatta nel menu contestuale e selezionare il file system Ntfs nella finestra di dialogo successiva.

3. Come partizionare una chiavetta Usb o una scheda SD – 3

Come partizionare una chiavetta Usb o una scheda SD - 3

Una volta soddisfatta questa condizione, creare partizioni multiple è molto semplice: basta richiamare di nuovo il menu contestuale con un clic destro e selezionare la voce Riduci volume. La finestra di dialogo successiva consente di diminuire lo spazio riservato alla partizione attiva, ricavando quindi lo spazio libero per poi aggiungere un secondo volume: la porzione liberata sarà indicata come Non allocata nella parte inferiore della finestra. Un clic destro in questa zona mostrerà il menu contestuale con la voce Nuovo volume semplice, che consentirà proprio di aggiungere una nuova unità.

PCProfessionale © riproduzione riservata.