Mercato Pc, un 2019 in crescita. Ma…

Il mercato PC di desktop e notebook, dato più volte per spacciato, resiste. Anzi, per la prima volta dal 2011 chiude un anno in positivo. Ma c’è un ma.

Un mercato in declino e senza prospettive. È dal 2011 – anno in cui il mercato di smartphone e tablet ha superato quello di desktop e notebook – che il mercato Pc è in costante contrazione. Il 2019 è stato però un’eccezione: dopo 7 anni negativi, gli analisti hanno confermato che il mercato Pc è in crescita.

L’analisi del di Gartner e IDC

Secondo Gartner l’ultimo quadrimestre si è chiuso con un + 2,3% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, mentre complessivamente l’intero 2019 è “cresciuto” dello 0,6% rispetto al 2018. Ancora più positivi i trend secondo IDC: il quarto trimestre si è chiuso con un +4,8%, mentre la crescita nel 2019 è stata pari al 2,7%. Insomma, la crisi è finita e sono tutte rose e fiori? C’è un ma… I dati, come sempre, vanno interpretati.

L’aggiornamento che ha drogato il mercato Pc

La crescita del mercato Pc ha una causa, specifica e limitata: il 14 gennaio Microsoft ha terminato il supporto a Windows 7. Una causa che ha “drogato” il mercato, forzando gli utenti al passaggio verso Windows 10 e, contestualmente, a un rinnovo del parco macchine. Una conferma che proprio lo switch off di Windows 7 è stato il volano di questa crescita arriva, stranamente, da Apple. Il colosso della mela morsicata non ha ovviamente beneficiato di questo upgrade e, infatti, registra un 2019 in decrescita (-0,9% secondo Gartner, -2,2% secondo IDC). Che il 2019 sia un anno fuori dai canoni lo sottolineano gli stessi analisti: finita l’onda lunga dell’aggiornamento a Windows 10, si prevedono altri 5 anni di decrescita, mitigati in parte da nuove tecnologie in arrivo (come 5G e schermi pieghevoli).

Un vantaggio per i grandi produttori

Sebbene la crescita del mercato Pc sia occasionale e non sistematica, ci sono diversi attori che possono sorridere: tra i produttori di computer senza dubbio i primi 3 (Lenovo, HP e Dell), che continuano ad aumentare il loro market share (complessivamente coprono il 65% del mercato). C’è però un altro produttore che sulla carta ha ottime prospettive di crescita. Ed è AMD. Nel mercato dei notebook, storicamente saldamente nelle mani della rivale Intel, AMD ha registrato nell’ultimo trimestre un market share del 14,7%, ma le previsioni prevedono una crescita al 20% entro il primo trimestre. Una crescita dovuta in parte a demeriti altrui (la produzione delle Cpu mobile Intel è inferiore alle richieste) ma anche per meriti propri. Mai come oggi la gamma di processori mobile AMD è competitiva sotto tutti i punti di vista: prezzo, prestazioni e consumi. E al CES è stata presentata una nuova famiglia di processori Ryzen: la serie 4000, fino a 8 core (e 16 thread) con un consumo inferiore ai 15 watt. Processori perfetti anche per il mercato dei notebook ultrasottili. Mi auguro di vederli quanto prima nei negozi.

PCProfessionale © riproduzione riservata.