Microsoft

App Store, Microsoft chiede di indagare su Apple

Durante un'intervista, il Chief Legal Officer di Microsoft ha dichiarato che le autorità antitrust dovrebbe aprire indagini approfondite su App Store.

Microsoft crede che sia arrivato il momento di avviare indagini approfondite sugli app store. Questo è il pensiero espresso da Chief Legal Officer Brad Smith durante un’intervista rilasciata al sito Politico. Anche se il dirigente non nomina Apple, Bloomberg ha confermato che il riferimento è al suo App Store.

La Commissione Europea ha avviato un’indagine antitrust sul servizio App Store per verificare se l’obbligo di pagare una commissione del 30% sugli acquisti in-app rappresenti una violazione delle leggi sulla concorrenza. Smith ha dichiarato che ci sono app store con barriere più alte per l’accesso ad altre applicazioni rispetto a quelle esistenti 20 anni fa (il riferimento storico è all’accusa di monopolio per aver integrato Internet Explorer in Windows). Per utilizzare la piattaforma è necessario pagare un “pedaggio” molto elevato, in alcuni casi pari al 30% delle entrate.

Smith ritiene quindi che “sia giunto il momento di una discussione più mirata sulla natura degli app store, le regole che vengono applicate e i prezzi che vengono imposti, e di verificare se esiste davvero una giustificazione per tutto ciò“. In pratica, Microsoft chiede alle autorità antitrust di Stati Uniti ed Europa di avviare indagini approfondite sugli app store. Come detto, nell’intervista non viene menzionata Apple, ma un portavoce ha confermato che Smith si riferiva proprio allo store dell’azienda di Cupertino.

Microsoft approva sicuramente l’operato della Commissione Europea, in quanto direttamente interessata alla questione. Nel 2012 era stata bloccata la pubblicazione di SkyDrive (oggi OneDrive) per iOS perché Apple aveva chiesto il pagamento della commissione del 30% per ogni abbonamento al servizio di cloud storage. Analogo scontro è avvenuto con la sottoscrizione degli abbonamenti ad Office 365 (oggi Microsoft 365) attraverso l’app Office per iOS.

PCProfessionale © riproduzione riservata.
Seguo l'evoluzione tecnologia dalla fine degli anni '80 dopo aver acquistato il Commodore 64 e dal 2008 questa passione è diventata un lavoro. Da oltre 12 anni scrivo articoli su diversi argomenti tech e da maggio 2020 ho iniziato la collaborazione con PC Professionale.