Files di Google

Files di Google, cartella sicura per file privati

La nuova versione dell'app Files di Google include una funzionalità che permette di spostare i file in una cartella di sicurezza protetta da un PIN.

Files di Google è un’app introdotta nel 2017 per consentire agli utenti di liberare spazio sullo smartphone. Inizialmente era destinata ai paese emergenti, come India, Nigeria e Brasile, ma ora viene utilizzata da oltre 150 milioni di persone nel mondo. L’azienda di Mountain View ha annunciato una nuova funzionalità che permette di proteggere i file provati mediante un PIN.

Google sottolinea che in molti paesi è di uso comune condividere lo smartphone con mariti/mogli, fratelli/sorelle o figli, ma c’è sempre il rischio che vengano eliminati i documenti di lavoro o altri file personali. Per questo motivo nell’app Files di Google è stata aggiunta una Safe Folder (Cartella di sicurezza), in cui è possibile spostare i file più importanti. L’accesso alla cartella cifrata viene protetto da un PIN di quattro cifre.

La funzionalità è presente nella sezione Raccolta della scheda Sfoglia (in basso al centro). Il codice deve essere digitato per ogni operazione: configurazione iniziale, spostamento dei file nella cartella, spostamento dei file fuori dalla cartella e visualizzazione dei file. Ovviamente i file non possono essere caricati sul cloud o condivisi tra dispositivi.

Se l’utente dimentica il PIN non potrà più accedere ai file, in quanto sono conservati solo sul dispositivo. Il file spostato nella cartella verrà eliminato dalla sua posizione originaria, quindi se l’app viene cancellata anche i file non saranno più recuperabili.

La funzionalità è disponibile per Android 8.0 Oreo e versioni successive. Chi non vuole attendere la distribuzione della versione 1.0.323 dell’app può scaricare e installare il file APK dal sito APKMirror.

PCProfessionale © riproduzione riservata.
Seguo l'evoluzione tecnologia dalla fine degli anni '80 dopo aver acquistato il Commodore 64 e dal 2008 questa passione è diventata un lavoro. Da oltre 12 anni scrivo articoli su diversi argomenti tech e da maggio 2020 ho iniziato la collaborazione con PC Professionale.