Google Keep

Keep è il nuovo servizio lanciato lo scorso marzo dalla società  di Mountain View per permettere agli utenti di prendere appunti e memorizzarli sul proprio account di Google. Il pensiero va subito a Evernote, pietra miliare del settore, che offre App per tutte le piattaforme mobili e dispone di solido client per i sistemi desktop, tuttavia Keep è un servizio ancora giovane e il paragone diretto potrebbe risultare fuori luogo: al massimo Evernote può rappresentare un traguardo da raggiungere.

Di certo a favore di Keep c’è la totale integrazione con il Google account (una volta installata l’App, si sceglie a quale account associarla con la possibilità  di spostarsi dall’uno all’altro) nonché la sincronizzazione on-line, con l’accesso ai dati sia da dispositivo mobile sia da browser a questo indirizzo. Semplicissima da utilizzare, Keep non presenta nessuna difficoltà  operativa, è proprio come un piccolo bloc notes su cui prendere appunti. A ogni memo può essere assegnato un colore, un titolo, del testo. Le varie note possono essere vocali, fotografiche ed elenchi da spuntare. Ciascuna di esse può essere condivisa tramite il normale comando di sharing di Android (le note di Keep possono essere condivise anche su Evernote) e archiviata con uno slide verso l’esterno dello schermo. Al momento non sono presenti sistemi di collaborazione per condividere le note tra più utenti.

Nessun Articolo da visualizzare